Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Esportavano illegalmente auto sequestrate per rivenderle, sgominata organizzazione

Le auto, acquistate a un prezzo molto vantaggioso, venivano portate in Francia, reimmatricolate e vendute. I carabinieri sospettano che l’organizzazione sia molto ramificata sul territorio nazionale e ben organizzata

Costituivano società ad hoc per acquistare auto in leasing e non pagare le rate. Un gruppo specializzato nell'esportazione dall'Italia alla Francia di auto in leasing sotto sequestro è stato scoperto dai Carabinieri della Compagnia Oltre Dora che ha arrestato un commerciante francese di 35 anni per ricettazione.

Le auto, acquistate a un prezzo molto vantaggioso, venivano portate in Francia, reimmatricolate e vendute. I militari hanno sequestrato 9mila euro in contanti nascosti nel doppio fondo di una macchina in uso all’acquirente. Il proprietario  della macchina sequestrata e il titolare di una società fittizia costituita ad hoc è stato denunciato in stato di irreperibilità per appropriazione indebita.

L’arrestato ha ammesso le sue responsabilità e ha precisato di essere titolare in Francia  di una concessionaria d’auto, con un volume d’affare di circa un milione di euro. A dare l'idea al reo è stato un ragazzo marocchino, abitante in Francia, conosciuto un anno fa. L'uomo acquistava in Italia le autovetture sotto sequestro - i proprietari o le società non avevano pagato le rate del leasing - pagandole molto meno. Dopo aver portato le auto in Francia, venivano qui immatricolate per poi essere immesse nel mercato francese al loro valore reale con un guadagno notevole per il trafficante d'auto.

Un mese fa il ragazzo francese, secondo quanto raccontato dall'arrestato, è tornato nell'officina di quest'ultimo con una BMW serie 3, appena acquistata in Italia, sempre con lo stesso meccanismo, e già reimmatricolata  in Francia. A fronte di un valore di 35mila euro, erano stati proposti all'arrestato soli 23mila euro. Il commerciante ha rifiutato, ha chiesto di non avere intermediari e di andare direttamente in Italia per acquistare la merce. All'atto di compravendita di un Golf, l'uomo è stato, però, sorpreso dai militari e arrestato.

I carabinieri sospettano che l’organizzazione sia molto ramificata sul territorio nazionale e ben organizzata.  Potrebbero essere coinvolte altre persone e altre concessionarie  italiane ed europee.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esportavano illegalmente auto sequestrate per rivenderle, sgominata organizzazione

TorinoToday è in caricamento