Occhio alla truffa del falso operatore Amiat, l'azienda invita a contattare la polizia

I cittadini hanno segnalato il passaggio di falsi addetti che chiedono al condomino di turno di entrare all'interno delle abitazioni per verifiche sul corretto posizionamento dei contenitori per la raccolta dei rifiuti

Immagine di repertorio

Non solo postini, sciacalli del gas o della luce. I truffatori colpiscono anche nelle vesti del personale Amiat.

Nelle scorse ore alcuni cittadini hanno segnalato all’azienda il passaggio di falsi operatori. Questi individui chiedono al condomino di turno di entrare all’interno delle abitazioni per non ben precisate verifiche sul corretto posizionamento dei contenitori per la raccolta dei rifiuti, o in alternativa per la consegna di nuove attrezzature per la raccolta differenziata.

In realtà si tratta di abili imbroglioni e non del personale del civico 50 di via Germagnano. A tal proposito Amiat informa che al momento non sono in corso attività di questo tipo e che, in ogni caso, il proprio personale è sempre munito di tessera di riconoscimento e non richiede mai l’ingresso nelle singole abitazioni per rilievi tecnici, limitandosi ad operare negli spazi comuni e nei cortili.

Per ogni dubbio o segnalazione di irregolarità – continuano da Amiat -, si invitano i cittadini a contattare le forze di polizia”.

Per informazioni riguardanti il servizio di raccolta rifiuti è possibile contattare il Contact Center Ambiente al numero 800-017277.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Firmato il decreto: Piemonte zona arancione, che cosa si può e non si può fare da domenica 17 gennaio 2021

  • Piemonte in zona gialla: le regole in attesa della nuova stretta nazionale

  • Torino, ruba il portafoglio dimenticato in farmacia. E spende i soldi per fare la spesa: "Non vivo nell'oro"

  • Multato in auto dopo mezzanotte. "Ma sono un papà separato, andavo da mia figlia che stava male"

  • Infarto mentre fa jogging nel parco a Torino, morto avvocato di Settimo. Ambulanza bloccata dai dissuasori

  • Follia a Nole: scatta alcune fotografie col cellulare, ma poco dopo la obbligano a cancellarle

Torna su
TorinoToday è in caricamento