Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca Via Ettore Stampini, 14

200euro per l'acquisto della divisa, ma del lavoro promesso nemmeno l'ombra: un arrestato

Decine di persone truffate. Il negozio di divise svuotato e chiuso

In foto il locale (chiuso dai carabinieri) dove il titolare di Exodus aveva gli uffici

Aveva promesso un impiego all’aeroporto di Caselle a decine, forse centinaia, di persone che hanno risposto al suo annuncio, ma del posto di lavoro non vi era neppure l'ombra. Anzi, il titolare della società Exodus Service, arrestato dai carabinieri da qualche ora, ha anche truffato coloro che hanno risposto all'annuncio chiedendo 200 euro per le divise da lavoro che sarebbero presto tornate utili ai neoassunti. 

Il negozio dove venivano vendute le divise, in via Stampini a Torino (foto), è stato svuotato, chiuso e posto sotto sequestro. Il titolare di Exodus proprio lì aveva i suoi uffici. L'indagine è stata condotta dai carabinieri della stazione di Villastellone ai quali sono arrivate le prime denunce.

Una truffata racconta la vicenda a Torinotoday

 "Purtroppo, io come tante altre persone, abbiamo avuto una brutta sorpresa dopo aver pagato 200 € per la divisa, scoprendo che in realtà era solo una truffa e che non avremmo mai iniziato a lavorare per questa azienda. Io ed altre persone truffate abbiamo già sporto denuncia ai carabinieri ma sappiamo già che sarà difficile rivedere i nostri soldi. A detta dei carabinieri i principali responsabili sono già stati individuati e il negozio di divise svuotato e chiuso. Bisognerebbe avvertire tutte le persone che ancora non sanno di essere state avvertite e che probabilmente si presenteranno al lingotto il 1 di marzo sperando in quel lavoro. È importante che tutti sporgano denuncia, anche chi non ha firmato il contratto ed ha solo portato la fotocopia dei propri documenti al primo colloquio".

I primi sospetti. La segnalazione di un lettore

Gentili signori,

vorrei denunciare cosa è successo a me e ad altri ragazzi. Durante le vacanze di Natale, rispondo ad un annuncio di lavoro presente sul sito del comune di Torino (estraneo ai fatti, ndr) da parte della società Exodus; il gruppo cercava del personale per lavorare in Aeroporto. Ricevo una mail, in cui si diceva di presentarmi presso i loro uffici l'11 Gennaio a Lingotto con cv, copia della cartà d'identità e del codice fiscale; inoltre nella mail viene anche specificato che i colloqui sarebbero durati a lungo. L'11 Gennaio mi presento, assieme a me ci sono altre persone. Un impiegato ci riceve, dice che sono mortificati e che i colloqui sono rinviati a Venerdì 18 Gennaio. In data odierna, 18 Gennaio, mi ripresento a Lingotto, sempre assieme ad altre persone, e stavolta non si fa trovare proprio nessuno. Ci tengo a sottolineare che nessuno ci aveva preventivamente avvisato nè l'11 nè il 18 Gennaio. Ora, mi chiedo, come è possibile che una tale compagnia possa aver vinto un appalto per l'aeroporto? Perchè far perdere tempo così alle persone? 

Magari questi "signori"  devono far finta di fare dei colloqui, ma già sanno il futoro....a pensar male, si sa, spesso ci si azzecca.

Cordiali saluti

Exodus via stampini 14E Torino (1)-2Exodus via stampini 14E Torino (3)-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

200euro per l'acquisto della divisa, ma del lavoro promesso nemmeno l'ombra: un arrestato

TorinoToday è in caricamento