Muratore trovato morto in una boscaglia, ucciso da un colpo di pistola

Il corpo era in una boscaglia in località Cascine di Verrua Savoia, al confine tra le province di Torino e Vercelli. Era poco distante da una riva del fiume Po, seminascosto dalla vegetazione. A scorgerlo è stato un agricoltore

Un cadavere è stato trovato in una boscaglia a Cascine di Verrua Savoia, al confine tra le province di Torino e Vercelli. La vittima è Francesco Daniele, quarantaquattro anni, muratore di professione, residente a Crescentino, trovato senza vita da un agricoltore che stava controllando un campo coltivato. Lo ha notato poco distante da una riva del fiume Po, seminascosto dalla vegetazione. E' stato lui a lanciare l'allarme.

Gli agenti intervenuti sul posto con il medico legale hanno subito notato un foro di proiettile sul torace della vittima. Potrebbe però non essere l'unico colpo ad averlo raggiunto visto che aveva anche la testa insanguinata.

Nella mattinata di ieri la moglie di Francesco Daniele aveva denunciato la scomparsa del marito, non essendo questo rincasato la sera prima. A Crescentino, in un bar dove si era recato l'uomo e dove è stato visto per l'ultima volta, è stata ritrovata anche la Volkswagen Golf di colore grigio parcheggiata. Quando il figlio l'ha vista tornando da scuola si è acceso un barlume di speranza, smorzato come un fulmine a ciel sereno dal ritrovamento del corpo.

Le indagini per risalire al colpevole del delitto sono iniziate. Si indaga nelle amicizie, nelle frequentazioni e nei rapporti di lavoro di Francesco Daniele. I militari stanno ascoltando in queste ore i familiari, gli amici ed i conoscenti della vittima. Tra le ipotesi vagliate c'è quella che porta alla pista dell'uccisione in un luogo diverso da quello del ritrovamento del cadavere. L'inchiesta è condotta dal pm Patrizia Gambardella, che ha disposto l'autopsia. Gli accertamenti dovranno anche dare una risposta al particolare dell'apparente lesione al capo: il muratore potrebbe essere stato picchiato prima di essere ucciso con il colpo di pistola, oppure la ferita potrebbe essere stata generata quando l'omicida - o gli omicidi - si è liberato del corpo nella boscaglia vicino al fiume.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mini in corsia d'emergenza esplode dopo essere urtata da un'altra auto: morti padre e figlia

  • Frontale fra due automobili: un uomo è morto, cinque persone ferite

  • Terribile schianto nel sottopasso, ma è la scena della fiction con Raoul Bova

  • Scontro auto-ambulanza: una persona è morta

  • Maxi-tamponamento in tangenziale: coinvolti cinque veicoli, traffico paralizzato

  • Scontro tra camion e moto, morto il centauro

Torna su
TorinoToday è in caricamento