Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca

Raggiunte 300 donazioni di cellule staminali emopoietiche in Piemonte

Più di vent'anni fa la prima donazione di cellule staminali emopoietiche in Piemonte; l'ultima è di un ragazzo di 22 anni che dà speranza a un grave malato di leucemia

Sono trecento le donazioni di cellule staminali emopoietiche (CSE) avvenute in Piemonte da un donatore non familiare. Il donatore numero 300 - un ragazzo di 22 anni di Cuneo - è risultato l'unico compatibile tra i quasi 20 milioni di donatori volontari iscritti nei registri internazionali. Con il suo gesto ha offerto una speranza di guarigione a un paziente italiano affetto da una grave forma di leucemia.
 
Dopo Lombardia e Veneto il Piemontesi piazza al terzo posto in Italia per numero di donazioni di CSE a scopo di trapianto. A più di 20 anni dall'avvio del Registro piemontese dei donatori di midollo osseo, la regione contribuisce per l'11% alle circa 2.800 donazioni totali effettuate in Italia finora. La prima donazione in Piemonte, che fu anche la prima in Italia, avvenne grazie a una donatrice di Torino di 41 anni. 
 
Le 300 donazioni, completate a favore di altrettanti pazienti, sono da rapportare a un totale di 40.000 adesioni al Registro: il processo di identificazione di un donatore compatibile è infatti molto complesso e solo quando il donatore non familiare ha caratteristiche identiche al paziente il trapianto ha elevata possibilità di successo.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raggiunte 300 donazioni di cellule staminali emopoietiche in Piemonte

TorinoToday è in caricamento