menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Studenti e sfrattati occupano tre palazzine: "Stop alle speculazioni"

Pomeriggio di tensioni a Torino. I ragazzi dei centri sociali Gabrio e Askatasuna hanno aiutato alcune famiglie a occupare tre edifici in zona Crocetta, Parella e Santa Rita

Tre occupazioni hanno tenuto scacco la città. A coordinare i "blitz", per la settimana di mobilitazione organizzata dalla rete nazionale "Abitare nella crisi", ci hanno pensato un centinaio di antagonisti che fanno capo ai centri sociali di Askatasuna e del Gabrio. In gruppi diversi si sono organizzati in modo da agire in tre zone diverse della città: nord, sud e centro. La prima occupazione, in ordine di tempo, è stata portata avanti dai rifugiati dell'ex Moi che in via Madonna delle Salette 12, in zona corso Marche angolo corso Francia, hanno preso possesso di una struttura parrocchiale, un ex ospizio.

A Mirafiori famiglie sfrattate hanno occupato la palazzina di un privato, al 41 bis di via Spano. Una palazzina che - sostengono gli occupanti - era disabitata da cinque anni. Momenti di tensione con l'arrivo della polizia chiamata dal proprietario. Una donna ha minacciato di salire all'ultimo piano e darsi fuoco se avessero provato a sgomberarla. Fuori dall'edificio è stato esposto dai balconi uno striscione con lo slogan: "Stop a sfratti e speculazioni. Riprendiamoci la città". La terza occupazione ha avuto luogo in via Legnano 5 all'angolo con via San Secondo, sede degli ex bagni pubblici.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Telepass Store, a Torino aperto il secondo punto vendita in Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento