Delegazione Onu visita profuga, la 13enne è in attesa di trapianto

Fuga dalla guerra

Siriana di 13 anni al Regina Margherita

Una delegazione Onu è andata in visita presso l'ospedale Regina Margherita di Torino, per incontrare una bimba profuga siriana in attesa di trapianto renale.

La storia

La ragazzina ha 13 anni ed è stata ricoverata a luglio presso la Nefrologia Pediatrica dell'ospedale Infantile della Città della Salute di Torino attraverso un corridoio umanitario coordinato dal Sinodo Valdese. La giovane è in dialisi cronica a causa di una displasia renale congenita che, ad ottobre del 2016, l'ha portata all'insufficienza renale terminale. Dopo averla seguita in Libano, i delegati Onu sono venuti a trovarla per accompagnarla nel progetto di recupero della sua vita di bambina interrotto a causa della guerra.

La fuga dalla guerra

Dopo la fuga dal suo Paese con i genitori e sei fratelli, era approdata in Libano dove l'Alto Commissariato Onu per i profughi ha iniziato a seguirla e, con l'ausilio dei volontari valdesi, a organizzarne il trasferimento a Torino. In questo mese, pur nelle difficoltà del periodo estivo, sono stati attivati tutti i servizi di supporto per consentire alla bimba di imparare i primi rudimenti della lingua italiana e di inserirsi a Torino in modo da poter iniziare la scuola a settembre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La folle corsa di due carri-attrezzi a 120 km/h: patenti ritirate ai conducenti, multe per 2.700 euro

  • Qualità dell’aria, scatta il livello viola: bloccati tutti i veicoli euro 5

  • Investita da un'auto impazzita alla fermata del bus, è in condizioni gravi

  • Omicidio-suicidio nella villetta: marito uccide la moglie con un colpo di balestra e poi si toglie la vita

  • Scende dopo lo scontro con un'altra auto e viene investito: morto

  • Emergenza smog: continua lo stop a tutti i veicoli diesel fino agli Euro 5

Torna su
TorinoToday è in caricamento