Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca Aurora / Via F. Cigna

I tossicodipendenti padroni del Sempione: dal quartiere un esposto di protesta

I cittadini chiedono un aumento dei controlli per contrastare il viavai degli zombie. dichiarano in coro i residenti

Progetti presenti e futuri non  sembrano fermare i tossici che da anni colonizzano il parco Sempione. Una vera e propria piaga secondo chi abita nel quartiere Barriera di Milano. Definirli in altro modo, infatti, è pressochè impossibile. Nonostante le promesse di allontanamento la situazione dell’area verde di via Cigna continua ad essere ogni giorno sempre più preoccupante. Già a partire dalle prime ore del mattino, infatti, il giardino si riempie di pusher e di decine di tossicodipendenti. Tanti, probabilmente troppi secondo i residenti del quartiere che hanno deciso di preparare un esposto come segno di protesta. Portare i cani a spasso o i bambini sulle altalene è diventata quasi un’utopia. Gli zombie – stando a quanto riferito - arrivano intorno alle 10 del mattino cercando nei dintorni del parco un buon riparo da occhi indiscreti.

Loro stessi sanno bene che quella è una zona dove possono agire indisturbati. Arrivano un po' alla volta con l'obiettivo di raggiungere la zona d'ombra lontano dalla strada e dal rumore delle automobili. Poi siringhe alla mano iniziano i preparativi per la “festa” mentre gli altri si guardano in giro per controllare che non ci siano volanti della polizia o cittadini a passeggio con il proprio cane. “Lo spettacolo è indecente. Ormai l'area è sotto assedio – spiegano due anziani a passeggio – Noi preferiamo non avvicinarci troppo alla “zona del buco”. La paura di essere aggrediti è alta. Tuttavia ci piacerebbe che la polizia facesse irruzione nel parco per mettere la parola fine a questo scempio”.

L'unica speranza degli abitanti del quartiere è affidata ai lavori per la realizzazione della linea due della metropolitana. L'inizio dei cantieri e il susseguente stravolgimento della zona potrebbero essere l'unico antidoto possibile per liberare una volta per tutte via Cigna. “Sono anni che viviamo nella paura – racconta uno dei residenti che ha deciso di denunciare il problema -. Chiediamo soltanto di cacciare via quella gente. Per noi e per i nostri figli”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I tossicodipendenti padroni del Sempione: dal quartiere un esposto di protesta

TorinoToday è in caricamento