Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca Aurora / Lungo Dora Savona

Tossico in overdose sul lungo Dora. E' il secondo caso in cinque giorni

L'uomo è stato salvato dai sanitari ma ha rifiutato di essere accompagnato in ospedale per ulteriori accertamenti. Sul caso la rabbia dei comitati

Due casi di overdose in appena cinque giorni lungo le sponde della Dora. E nel quartiere torna la paura. Nel fine settimana un tossicodipendente di lungo corso ha rischiato di morire su una delle panchine del lungo Dora Savona. Ad allertare il 118 un passante che ha notato l’uomo immobile vicino al marciapiede. “Stava male e ho chiamato i sanitari”. Provvidenziale l’intervento tra corso Giulio Cesare e via Bologna dove i medici hanno sventato il pericolo.

Salvato dai sanitari il malcapitato ha rifiutato di farsi accompagnare al Pronto Soccorso per ulteriori controlli. Ma come detto in precedenza sono due le segnalazioni arrivate in questi giorni dalla borgata. Solo pochi giorni prima un 40enne era morto davanti ai passanti, sulla vicina passerella del Carbone. E sempre per abuso di sostanze stupefacenti. Sul posto le forze dell’ordine e l’ambulanza che ha solo potuto confermare il decesso.

A chiedere risposte al comitato Sicurezza sarà invece il comitato spontaneo “Sponde Dora e vie limitrofe”. “Due episodi molto simili tra loro - spiega il presidente Carmine Batilde -. La Città non deve ignorare il problema dei tossici. Qui tra il ponte Carpanini e il ponte Mosca ne vediamo a bizzeffe ogni giorno. Eppure sembra che a nessuno interessi di questa gente”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tossico in overdose sul lungo Dora. E' il secondo caso in cinque giorni

TorinoToday è in caricamento