Torino e Siviglia più vicine, Sacco: "Un accordo strategico a favore del turismo"

Il mercato italiano a Siviglia è il terzo per importanza dopo Francia e Stati Uniti

Gli assessori Sacco e Munoz

Dal 1 giugno Siviglia e Torino sono un po' più vicine grazie al nuovo collegamento aereo Blue Air. E dopo la presentazione del volo e della città di Torino, con le sue specialità enogastronomiche e culturali, in presenza degli operatori turistici e media locali, il 9 maggio scorso al Palacio De Los Marqueses de la Algaba, questa volta è toccato a Siviglia mostrare le sue eccellenze nel capoluogo sabaudo.

Un piano turistico strategico 

"Un incontro che rientra in un preciso piano strategico - ha dichiarato Alberto Sacco, assessore al Turismo del Comune -, ossia quello di stringere rapporti più stretti con le città con cui è collegata Torino, per portare in giro le nostre eccellenze". A novembre l'accordo con Siviglia verrà formalizzato in maniera più ampia, dalla sindaca Chiara Appendino. " Il mercato italiano ha molta importanza a Siviglia e sta crescendo moltissimo - ha dichiarato Antonio Munoz, assessore al Turismo della città spagnola -. È il terzo dopo quello francese e americano".

Soltanto l'anno scorso è cresciuto infatti del 3,5% mentre i dati relativi al 2017, fino a maggio, registrano una crescita dell'11% che potrebbe arrivare al 12% entro la fine anno. "Ma il volo Blue Air - ha aggiunto Munoz - ha un'importanza doppia poiché Torino è strategica per il collegamento con l'Asia e l'Est". 

Perché andare a Siviglia 

Siviglia può essere considerata la capitale del sud della Spagna ed è la terza destinazione turistica nazionale; è una miscela di culture e proprio da qui Magellano partì per il primo giro attorno al mondo. Il suo è un grande patrimonio storico, qui il barocco è protagonista, senza dimenticare il Flamenco e le tapas, la gentilezza, l'accoglienza e lo stile di vita locali.

Un accordo quello con Siviglia che conferma sempre più la vocazione turistica di Torino, supportata dai grandi numeri in aeroporto. Al Sandro Pertini negli ultimi tre anni,i passeggeri da e per Torino sono aumentati di 1 milione di unità, raggiungendo i 4 milioni complessivi. Numero che potrebbe arrivare a 4 milioni e 300mila entro la fine del 2017. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Firmato il decreto: Piemonte zona arancione, che cosa si può e non si può fare da domenica 17 gennaio 2021

  • Piemonte in zona gialla: le regole in attesa della nuova stretta nazionale

  • Torino, ruba il portafoglio dimenticato in farmacia. E spende i soldi per fare la spesa: "Non vivo nell'oro"

  • Multato in auto dopo mezzanotte. "Ma sono un papà separato, andavo da mia figlia che stava male"

  • Infarto mentre fa jogging nel parco a Torino, morto avvocato di Settimo. Ambulanza bloccata dai dissuasori

  • Follia a Nole: scatta alcune fotografie col cellulare, ma poco dopo la obbligano a cancellarle

Torna su
TorinoToday è in caricamento