Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Il percorso più sicuro? Lo dice Bunet, il portale per i ciclisti

Il portale, finanziato da Comune e Provincia, permette di calcolare i percorsi più sicuri, più rapidi o meno faticosi. Vi si può accedere dal sito www.bunet.torino.it

Si sceglie il percorso più sicuro, quello meno faticoso, o ancora quello più veloce: il nuovo portale Bunet (da non confondere con il dolce tipico del Piemonte: in realtà, è un felice acronimo delle parole Bike's Urban Network Torino), visitabile sul sito www.bunet.torino.it, permette di fare questo e altro.

Si tratta di una sorta di guida per ciclisti, disponibile da oggi, con informazioni sui negozi per la riparazione delle due ruote, consigli, e soprattutto il calcola percorsi che permette di scegliere alcuni parametri molto utili. Se impostato come Tobike, rivela gli stalli più vicini, con il numero di bici a disposizione. I criteri di scelta (pianeggiante, sicuro, più veloce) possono essere scelti separatamente o mescolati, in modo che nessuno prevalga.

Il portale è stato finanziato dal Comune e dalla Provincia, realizzato dalla società in-house 5T: si tratta di un progetto che rientra nel BiciPlan di Torino, il piano di mobilità pensato per le bici.

“Con l’approvazione del Biciplan l’Amministrazione si era impegnata anche a realizzare un portale interamente dedicato a quanti decidono si utilizzare le bici in città – è quanto afferma l’assessore all’Innovazione e all’Ambiente, Enzo Lavolta -. Grazie alla collaborazione con la Provincia di Torino e con 5T abbiamo da oggi a disposizione un nuovo strumento che abbiamo voluto aperto sia alle segnalazioni di cittadini sia a quanti vogliano suggerire migliorie e integrazioni”.

“È bene incentivare con qualsiasi mezzo la mobilità ciclabile, anche e soprattutto attraverso la promozione di nuovi servizi alla cittadinanza” spiega l’assessore all’Ambiente della Provincia di Torino Roberto Ronco. “B.U.Ne.T. va esattamente in questa direzione: è al servizio degli utenti sia della città sia del territorio provinciale, e consente di fare della bicicletta un mezzo di trasporto a tutti gli effetti e un elemento imprescindibile della mobilità integrata e intelligente”.
(mm)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il percorso più sicuro? Lo dice Bunet, il portale per i ciclisti

TorinoToday è in caricamento