rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Cronaca Madonna di Campagna

Torino, torna a casa e viene aggredita dal compagno ubriaco: chiama il 112 e lo fa arrestare

Donna picchiata in altre occasioni: convivente violento perché trova il cellulare occupato o perché lei si mette alla guida dell’auto

Un uomo è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia dopo l’intervento degli agenti in un appartamento in zona Madonna di Campagna. Sono da poco passate le 19 di giovedì 18 novembre quando la donna chiama il 112 per chiedere aiuto. Ad attendere gli agenti della Squadra Volante sull’uscio della propria abitazione c’è la donna in lacrime. All’interno dell’appartamento, seduto in cucina, il compagno che guarda i poliziotti senza parlare.

La vittima racconta di essere stata aggredita poco dopo il suo rientro a casa. L’uomo, sotto l’effetto di sostanze alcoliche, aveva iniziato ad insultarla e, dopo averle messo una mano sul volto, l’aveva spinta contro una portafinestra. La donna aveva allora tentato di liberarsi dalla sua presa, ma questi era riuscito nuovamente a bloccarla per poi schiaffeggiarla. Alla chiamata di lei al 112 NUE, il convivente si era precipitato a versare l’alcool in un lavandino.

Negli uffici di via Tirreno la donna ha poi riferito di episodi passati: una volta era stata minacciata di morte con un coltello da cucina perché il compagno aveva trovato il suo cellulare occupato, un’altra volta lui le aveva sbattuto più volte la testa contro il poggiatesta della loro auto solo perché aveva deciso di mettersi alla guida.  

Se sei vittima di violenza o stalking chiama il 1522

Il 1522 è un numero telefonico gratuito, attivo 24 h su 24 che accoglie, con operatrici specializzate, le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking. Il servizio è promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le Pari Opportunità. 
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torino, torna a casa e viene aggredita dal compagno ubriaco: chiama il 112 e lo fa arrestare

TorinoToday è in caricamento