Cronaca Aurora / Corso Emilia

Arrestato a Torino il boss della 'ndrangheta Giorgio Demasi

Demasi, 50 anni, era latitante dal luglio del 2010. E' considerato il capo della cosca di Gioiosa Jonica. L'hanno arrestato in corso Emilia seguendo gli spostamenti di un cugino

Arresto importantissimo nella lotta alla criminalità organizzata quello avvenuto a Torino stamattina. Il boss della 'ndrangheta Giorgio Demasi, di 50 anni, detto "u mangianisu", latitante dal luglio del 2010 quando era sfuggito all'operazione Crimine, diretta dalle Dda di Reggio Calabria e Milano, è stato arrestato dalla polizia a Torino.

Giorgio Demasi è considerato il capo del "locale" di Gioiosa Jonica, componente della "Provincia" di Reggio Calabria della 'ndrangheta. Le accuse nei suoi confronti sono associazione per delinquere di tipo mafioso. Secondo gli investigatori Demasi avrebbe diretto ed organizzato le attività della cosca insieme all'altro boss Antonio Ursino, coinvolto anch'egli nell'operazione Crimine.

Il boss si trovava a Torino da quando si era sottratto al provvedimento di fermo. Si è giunti alla sua individuazione seguendo gli spostamenti di un cugino del latitante, Rocco Demasi, il quale, mentre era alla guida della sua automobile, si é fermato in una piazza del centro di Torino ed ha fatto salire a bordo della vettura una persona poi identificata proprio in Giorgio Demasi. I poliziotti hanno circondato l'auto e arrestato il latitante in corso Emilia. Giorgio Demasi aveva un documento falso, ma ha subito ammesso la sua reale identità. Anche il cugino è stato arrestato per favoreggiamento personale. Sono stati entrambi trasferiti nel carcere Lorusso e Cotugno di Torino.

"N'dattaccaru", "Ci stanno arrestando". Queste le ultime parole del latitante della 'ndrangheta prima che i poliziotti gli stringessero le manette ai polsi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrestato a Torino il boss della 'ndrangheta Giorgio Demasi

TorinoToday è in caricamento