Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca

Nella toponomastica torinese arrivano Gino Bartali e don Puglisi

Assieme a Gino Bartali e don Puglisi saranno ricordati anche Enrico Koelliker, Marino Ferraro, Filippo Juvarra, Carlo Tancredi Falletti di Barolo e Maria Francesca Rubatto

Gino Bartali e don Puglisi nella toponomastica torinese: a deciderlo è stata la Commissione riunita oggi, convocata dal presidente del Consiglio Comunale Giovanni Maria Ferraris: a don Giuseppe Puglisi, sacerdote palermitano assassinato per il suo impegno contro la criminalità organizzata, sarà intitolato il piazzale di una zona di nuova edificazione al quartiere Villaretto (Circoscrizione 6).

A Carlo Tancredi Falletti di Barolo sarà intitolato il piazzale antistante al Cimitero Monumentale: il Falletti, nobile filantropo del XIX secolo donò al Comune il terreno per la costruzione del cimitero stesso. Anche Gino Bartali sarà ricordato, con un luogo presso un impianto sportivo che sarà al più presto individuato.

L’architetto dei Savoia Filippo Juvarra avrà una targa in sua memoria in via San Domenico angolo via dei Quartieri, dove sorgeva la casa nella quale visse durante gli anni trascorsi a Torino.

Anche Madre Francesca Rubatto, fondatrice delle Suore Terziarie Cappuccine, sarà ricordata da un giardinetto ubicato in via Stradella 205. In Corso Principe Oddone una targa ricorderà il vicebrigadiere dei Carabinieri Marino Ferraro, travolto da un treno nel corso dell’inseguimento di un malvivente. Infine, una strada ricorderà Enrico Koelliker, fondatore nel 1928 dell’omonimo Ospedalino.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nella toponomastica torinese arrivano Gino Bartali e don Puglisi

TorinoToday è in caricamento