Parla la moglie di Mauro Laggiard: "Non portatemi via i miei animali, se no…"

Mauro ha fatto una grossa imprudenza, gli avevo detto di non entrare nella gabbia perché la tigre era nervosa". E' il retroscena svelato oggi da Carla Agosteo, la moglie dell'uomo ucciso ieri sera dalle sue tigri

"Non portatemi via i miei animali". Sono queste le parole del giorno dopo di Carla Agosteo, la moglie di Mauro Laggiard, il settantaduenne ucciso ieri da alcune tigri nel pinerolese.

Il marito è morto sotto i suoi occhi, sbranato dagli animali cha amava più di ogni altra cosa e per cui aveva dilapidato il conto in banca e rischiato più volte la vita per via di diverse aggressioni dei feroci animali. Ciononostante la donna non dà la colpa ai felini, ma dice che il marito "ha fatto una grossa imprudenza". "Gli avevo detto di non entrare nella gabbia perché Samir (la tigre, ndr) era nervosa".

Ora, dopo la tragedia, il destino delle tigri è nelle mani del sostituto procuratore Chiara Maina. L'ipotesi è quella del trasferimento verso la metà di luglio, ma l'amministrazione sta cercando di anticiparlo. Nonostante le sia stato strappato il marito, Carla Agosteo non ne vuole sapere di separarsi da quegli animali: "Non portatemeli via, se no...".

Potrebbe interessarti

  • Pancia gonfia, cause e rimedi per combatterla

  • Ragnetti rossi, come eliminarli in modo naturale

  • Peperoncino: tutti i rimedi al bruciore

  • I pericoli in mare e in piscina: l’acqua alta e la congestione

I più letti della settimana

  • Tragedia nel condominio: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Scontro frontale tra moto e auto: due centauri sbalzati via per diversi metri, sono gravi

  • Rimane appesa alla ringhiera del balcone poi cade nel vuoto: ragazza in gravi condizioni

  • Marito uccide la moglie con una lima da modellismo, dopo qualche ora si costituisce

  • Il re della pasticceria a Torino, Iginio Massari apre la sua "boutique"

  • Ronaldo apre le porte della sua villa e svela i suoi progetti: intervista tv con vista sulla Mole

Torna su
TorinoToday è in caricamento