Sabato, 18 Settembre 2021
Cronaca

ThyssenKrupp, al Palazzo di Giustizia inizia il processo d'appello

Dopo la sentenza di primo grado dell'aprile scorso è iniziato oggi il processo d'appello. Argomento della difesa è il risarcimento ad alcune parti civili

A quasi 5 anni dalla tragedia della ThyssenKrupp, il processo per l'incendio costato la vita a sette lavoratori non si può dire ancora concluso. Questa mattina nella maxi aula 6 del Palazzo di Giustizia di Torino è iniziato il l'appello.

Gli avvocati difensori dei sei imputati intendono dare subito vita a una battaglia sulla presenza di alcune parti civili che, in base a quanto è emerso alla vigilia, non intendono lasciare il processo nonostante abbiano già raggiunto un accordo per un risarcimento. Dalla sentenza di primo grado del 15 aprile scorso, la multinazionale tedesca dell'acciaio ha già versato indennizzi per una decina di milioni di euro.

Tra gli imputati spicca il nome di Harald Espenhahn, l'amministratore delegato della ThyssenKrupp condannato con una sentenza senza precedenti nell'ordinamento giudiziario italiano per un incidente sul lavoro - per omicidio volontario con la formula del "dolo eventuale". Presenti nell'aula 6 del Palagiustizia anche i familiari delle sette vittime.

"Per noi - ha detto uno dei difensori, l'avvocato Ezio Audisio - quello che abbiamo raggiunto con le parti civili è stato un accordo tombale: e loro si sono impegnate a lasciare il processo". Il presidente della Corte d'assise d'appello, Giangiacomo Sandrelli, deciderà alla prossima udienza, il 30 novembre, quando prenderà la parola anche il giudice relatore, Roberta Perrore, per la relazione introduttiva.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

ThyssenKrupp, al Palazzo di Giustizia inizia il processo d'appello

TorinoToday è in caricamento