menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Testata all'arbitro sedicenne, partita di calcio finisce con i Carabinieri

Interrotta anzitempo la partita tra l'Atletico Torino e il Pinerolo, categoria Giovanissimi. Una rete convalidata dall'arbitro, probabilmente irregolare per un fuorigioco, ha scatenato un dirigente

Un gol subito non giustifica mai comportamenti aggressivi da parte di giocatori o dirigenti delle società calcistiche. Figuriamoci quando si tratta di una partita di ragazzini di tredici anni. Sabato scorso, il 14 febbraio, nel campo dell’Atletico Torino è andato in scena un bruttissimo episodio sportivo e di cronaca allo stesso tempo.

Verso la fine della partita, che i tredicenni della squadra di casa stavano giocando contro i pari età del Pinerolo, è arrivato il gol dell’attaccante pinerolese Scalerandi che ha scatenato l’ira di giocatori, dirigenti e genitori dell’Atletico Torino. La rete dello 0 a 1, segnata molto probabilmente in posizione di fuorigioco, è stata però convalidata dall’arbitro Popescu di Nichelino.

Tra le varie proteste si è contraddistinto in negativo un dirigente della squadra di casa. Abbandonata la sua postazione in panchina, si è avventato contro l’arbitro colpendolo al naso con una testata. Un colpo non fortissimo, ma che ha costretto il giudice di gara sedicenne a decretare la fine della partita anzitempo e a ricorrere alle cure mediche. Intanto sul posto, visto il fatto increscioso, sono intervenuti anche i Carabinieri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento