Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca Venaria Reale

Terry incontra l'Atc e il sindaco di Venaria: "Ha perso la casa perché morosa"

La scorsa settimana vi avevamo raccontato la storia di Terry che, sfrattata, chiedeva una casa. La signora ha nel mentre incontrato il sindaco di Venaria e il presidente dell'Atc; ecco la risposta dell'Agenzia per la Casa

La scorsa settimana vi avevamo raccontato la storia di Terry, sfrattata e che chiede una casa popolare. La signora, negli scorsi giorni, ha incontrato il sindaco di Venaria e il presidente dell’Atc, insieme anche ad un rappresentante dell'Ufficio Casa del Comune, per suggerire una strada da seguire dopo il suo sfratto.

"Pur comprendendo infatti le difficoltà che la signora sta attraversando, - ha spiegato il presidente dell’Atc Elvi Rossi – le è stato spiegato che anche qualora le venisse nuovamente assegnata una casa popolare a seguito della situazione di emergenza abitativa che sta vivendo, dovrebbe comunque farsi carico del debito accumulato nei confronti di Atc nel periodo di permanenza. La signora infatti non ha perso la casa per un problema burocratico ma per una grave situazione di morosità, che per sua stessa ammissione non è mai riuscita a saldare".

L’Atc precisa alcune informazioni relative alla vicenda dello sfratto: secondo i dati in loro possesso, lei era un’ospite nell’abitazione dove viveva il figlio, in una situazione di irregolarità amministrativa; nei confronti di Atc avevano accumulato un forte debito. L’Agenzia per la casa ricorda che avevano sottoscritto un impegno di pagamento, che era possibile dilazionare in 10 anni, cosa poi non rispettata. “Inoltre, - precisano dall’Atc - non risulta che a dicembre 2012 avessero ricevuto una bolletta da 2mila e 500 euro: l’importo ammontava a 150. Nel corso dei mesi, la signora e il figlio avevano certamente ricevuto bollette più onerose, anche di cifre superiori a mille euro: questo però non per un problema burocratico ma perché non pagavano i ratei del debito, l’affitto, i conguagli e le spese di condominio. La procedura di sfratto era partita nel 2010: a differenza di quanto avviene sul mercato privato, era stato concesso loro parecchio tempo per sanare, almeno in parte, la loro posizione ed evitare lo sfratto”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terry incontra l'Atc e il sindaco di Venaria: "Ha perso la casa perché morosa"

TorinoToday è in caricamento