menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I primi uomini torinesi all'opera

I primi uomini torinesi all'opera

Terremoto in centro Italia, al lavoro gli uomini del soccorso alpino piemontese

Gli specialisti in ricerca persone sepolte: "Si scava con delicatezza per evitare di compromettere eventuali feriti"

Sono arrivati nelle zone terremotate i primi uomini del soccorso alpino piemontese partiti ieri dall'aeroporto di Cuneo Levaldigi per rafforzare le ricerche dei dispersi.

Si tratta di due unità cinofile da ricerca di superficie e da valanga, specializzati proprio nello scovare persone sepolte.

Nella notte è partito via terra un primo contingente composto da una ventina di volontari piemontesi che sono attesi alle ore 12 ad Amatrice.

La squadra è composta da un gruppo di soccorritori alpini che porteranno supporto ai propri colleghi del centro Italia che già operano sul posto.

Del team fanno parte tecnici di soccorso speleologico specializzati nelle disostruzioni: si tratta di operatori altamente specializzati nel lavoro di demolizione controllata delle macerie per permettere l'accesso dei soccorritori nelle cavità più profonde dove potrebbero trovarsi dei sopravvissuti ai crolli.

Infine, sono presenti due medici esperti in soccorso speleologico che sono in grado di assistere le persone bloccate in ambiente sotterraneo.

"Il lavoro è complesso - dicono gli uomini del soccorso alpino -. Gran parte del paese è crollato, si scava con delicatezza per evitare di compromettere le precarie macerie o eventuali feriti. Le strade sono invase da mattoni, legno, calcinacci. I cumuli arrivano a diversi metri d’altezze e molti dei palazzi sono pericolanti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento