Cronaca

Protezione civile: dopo la morte dell'ingegner Belfiore, partono altre quattro squadre

Raggiungeranno le zone terremotate. "Marco avrebbe voluto così", dicono i volontari della colonna

L'ingegner Marco Belfiore

Altre quattro squadre della protezione civile della Regione Piemonte sono partite ieri mattina, lunedì 26 settembre, verso le zone terremotate del centro italia in sostituzione della colonna rientrata la sera di domenica. Nel corso del rientro è morto Marco Belfiore, ingegnere del settore geologico della Regione, in un incidente stradale avvenuto sull'autostrada Torino-Milano a Saluggia (Vercelli).

"Partiamo perché Marco avrebbe voluto così”, raccontano i colleghi.

Belfiore, 58 anni, residente a Pino Torinese, tornava a Norcia insieme a una collega di 39 anni di Cuorgné rimasta ferita nello scontro. Si occupava dei rilievi per le verifiche di agibilità degli edifici. I due erano una delle cinque squadre partite il 19 settembre da Torino e in rientro dopo cinque giorni di lavoro. 

Saputo del sisma, mentre era in vacanza in Sardegna, Belfiore aveva telefonato al suo dirigente per dare la sua immediata disponibilità a partire. E nel corso del viaggio di rientro aveva espresso la sua intenzione di ritornare in uno dei prossimi turni. Era già stato impegnato nelle zone terremotate dell’Emilia e dell’Abruzzo.

Il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino, ha espresso cordoglio per la sua scomparsa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Protezione civile: dopo la morte dell'ingegner Belfiore, partono altre quattro squadre

TorinoToday è in caricamento