Portici di Carta, 1500 libri alle popolazioni terremotate

Ieri sera è avvenuta la simbolica consegna dei volumi da parte della sindaca Appendino e dell'assessora Leon

I torinesi ancora una volta non sono rimasti indifferenti ad un'iniziativa di solidarietà. Tra sabato e domenica, in occasione della decima edizione di Portici di Carta, sono stati più di 1500 i libri acquistati alle bancarelle, di quella che è stata definita la libreria più lunga del mondo, per essere poi donati alle popolazioni colpite dal sisma in centro Italia.

I volumi, che sono stati raccolti in piazza San Carlo grazie all'iniziativa del Comune di Torino e della Protezione Civile, "Un libro per ri-costruire", verranno destinati ad Arquata del Tronto per la ricostruzione di una nuova biblioteca.

E già ieri sera, alle 19, è avvenuta la consegna simbolica dei libri donati dai torinesi, ma non solo, dalla sindaca Chiara Appendino e dall'assessora alla Cultura Francesca Leon. Insieme ai libri, alle popolazioni colpite dal terremoto, arriveranno in dono anche i lunghi e allegri striscioni che nel fine settimana, circa tremila bambini hanno provveduto a colorare su iniziativa del Museo d'Arte Contemporanea di Rivoli. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento