Cronaca Via G. Amati, 25

Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

Il bambino non è grave, la donna sì

L'edificio dove è avvenuto il pazzesco episodio

Ha cercato di avvelenare suo figlio di appena un anno e due mesi sommistrandogli pastiglie sciolte nel biberon e poi, forse resasi conto di quanto accaduto, ha cercato di uccidersi a propria volta tagliandosi le vene.

Il pazzesco episodio è avvenuto nel pomeriggio di oggi in un appartamento al primo piano dello stabile di via Amati 25 a Venaria Reale, dove sono intervenuti i sanitari del 118, i carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia cittadina e i vigili del fuoco.

Lei, in cura presso i servizi psichiatrici della zona per una grave forma di depressione, e il bambino sono stati salvati dal convivente, che poi ha chiamato i soccorsi. In casa è stato trovato un biglietto in cui lei annunciava di voler suicidarsi e uccidere il figlio.

Il bambino è stato trasportato d'urgenza all'ospedale Regina Margherita. Le sue condizioni, che inizialmente apparivano gravi, sono in realtà immediatamente migliorate e ora è ricoverato nel reparto di pediatria. Non ha mai perso conoscenza.

Sua mamma, una donna italiana di 42 anni, all'ospedale Maria Vittoria di Torino. Si è avvelenata a sua volta e per questo è stata sottoposta a lavanda gastrica. Le hanno anche suturato i tagli. La prognosi è riservata. È stata posta in stato di fermo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

TorinoToday è in caricamento