Cronaca

Il Comune sperimenta il telelavoro: da gennaio la fase sperimentale

Venti impiegate del Comune di Torino per quattro mesi lavoreranno da casa. Entro fine anno seguiranno un percorso formativo

Il Comune di Torino sperimenta il telelavoro. Per quattro mesi a partire da gennaio in via sperimentale, ma con l’obiettivo di proseguire l’esperienza in via definitiva, venti impiegate comunali avranno l’opportunità di svolgere la propria attività senza doversi sobbarcare il quotidiano trasferimento da casa all’ufficio. Le venti "telelavoratrici" sono state scelte tra le 86 impiegate che hanno risposto al bando per la ricerca interna di personale disponibile a lavorare a distanza (la partecipazione è stata riservata esclusivamente a dipendenti donne), pubblicato lo scorso luglio dalla divisione Risorse umane.

Per scegliere le impiegate che sperimenteranno il telelavoro è stato tenuto conto delle eventuali condizioni di disabilità psicofisica che rendono disagevole il raggiungimento dell’ufficio, del tempo di percorrenza dall’abitazione alla sede di lavoro, delle esigenze di cura dei figli con meno di otto anni, della presenza di disabili in famiglia e - dal punto di vista della fattibilità tecnica - della effettiva possibilità di utilizzare in casa strumenti telematici e tecnologie di rete, dell’idoneità del domicilio rispetto alle normative in materia di sicurezza e delle caratteristiche relative ai lavori da svolgere che - come la compilazione di formulari su web, l’estrazione di dati o la trascrizione dei verbali relativi alla sedute del Consiglio comunale – possono essere svolti anche fuori dalla sede degli uffici comunali.

Le prime telelavoratrici del Comune di Torino seguiranno un percorso formativo entro fine anno e a partire dal mese di gennaio inizieranno a lavorare tra le mura domestiche. “Partita qualche mese fa con la definizione del progetto e la ricerca interna di personale per attuarlo, la macchina comunale – sottolinea con soddisfazione l’assessore al Bilancio e al Personale, Gianguido Passoni - è ora pronta ad avviare concretamente il telelavoro con l’obiettivo, dopo la prima fase sperimentale, di coinvolgere un numero più ampio di funzioni e di persone, rispondendo in questo modo meglio alle esigenze dei lavoratori, favorendo l’efficienza organizzativa dei servizi e ottenendo, fatto tutt’altro che irrilevante in un momento di difficoltà per le finanze dell’ente, anche piccole economie di gestione”.


Che vantaggi si hanno nel telelavoro? Lo spiega l'assessore Mariacristina Spinosa: “Attraverso la sperimentazione del telelavoro l’Amministrazione conta di introdurre forme di organizzazione del lavoro più flessibili, che consentano alle nostre dipendenti di conciliare meglio impegni lavorativi e carichi familiari e che, allo stesso tempo, favoriscano maggiore efficienza e, più in generale, sostenibilità ambientale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune sperimenta il telelavoro: da gennaio la fase sperimentale

TorinoToday è in caricamento