rotate-mobile
Cronaca Barriera di Milano

“Mi fai fare una telefonata?” e scatta l’estorsione: sparito il cellulare

Un uomo arrestato

Due romeni hanno carpito la fiducia di un 48enne italiano e, fingendo di trovarsi in difficoltà, hanno chiesto all’uomo la possibilità di effettuare una chiamata col suo telefonino. La vittima ha acconsentito e prestato il dispositivo ad uno dei due che, fingendo di parlare, si è allontanato facendo perdere le proprie tracce.

Alle rimostranze dell’uomo, il secondo rumeno riferiva che ad allontanarsi era stato suo fratello, un poco di buono che, con ogni probabilità, si era recato nei giardini di corso Giulio Cesare angolo Spontini per tentare di vendere il telefono. 

Giunti sul posto l’accompagnatore ha simulato una trattativa con degli stranieri a cui sarebbe stato rivenduto il telefonino. Alla vittima sono stati chiesti 50 euro per rientrare in possesso del cellulare. L’uomo ha pagato, ma il cellulare non gli è stato restituito e addirittura gli è stata avanzata una seconda richiesta di 80 euro.

A questo punto la vittima ha richiamato l’attenzione di una volante in transito. Esposti brevemente i fatti, gli agenti perquisivano il rumeno trovandolo in possesso dei 50 euro poco prima ricevuti dalla vittima e della sua scheda sim. Il cellulare, invece, non veniva ritrovato.

Da accertamenti successivi è emerso che il fermato non è nuovo ad episodi del genere. Nel recente passato aveva commesso, in concorso con il fratello, un analogo reato. In quell’occasione, si trattava di una bicicletta. L’uomo è stato tratto in arresto per estorsione in concorso. Il complice è sparito. 


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Mi fai fare una telefonata?” e scatta l’estorsione: sparito il cellulare

TorinoToday è in caricamento