rotate-mobile
Cronaca Rivalta di Torino / Via Giaveno

Un nuovo occhio elettronico al semaforo, presto in funzione la telecamera

Per la sorveglianza stradale

Verrà installata nei prossimi giorni una nuova telecamera per il controllo e l’analisi del traffico stradale a Rivalta di Torino. Saranno così due gli impianti semaforici ad essere dotati di “occhi elettronici” per controllare i veicoli in ingresso e uscita dalle vie principali del territorio comunale e garantire maggiore sicurezza sulle strade.

La seconda telecamera verrà installata sull’impianto semaforico che regola l’incrocio tra le vie Giaveno, Nenni e Piossasco e registrerà il passaggio di tutti i veicoli in transito. Una uguale telecamera è installata ed è in funzione anche all’incrocio tra via Grugliasco e via Einaudi.

Le due telecamere rileveranno le targhe dei veicoli in transito sul territorio comunale memorizzandole temporaneamente, in modo da poter essere utilizzate dalle Forze dell’Ordine per analisi e verifiche nel di caso di denunce di sinistri, incidenti e reati di varia natura che vedono coinvolti automezzi.

La lettura in remoto delle targhe

“La lettura in remoto delle targhe - spiegano dal Comando della Polizia Municipale di Rivalta -servirà poi anche per individuare e immediatamente sanzionare i veicoli che circolano senza assicurazione o senza revisione o che risultino rubati”. Grazie a questo sistema la pattuglia posizionata dopo l’incrocio potrà fermare i veicoli segnalati dalla telecamera per effettuare le i controlli. Il provvedimento rientra nel Progetto Città Sicura, come spiega il Sindaco di Rivalta Nicola de Ruggiero: “Vogliamo implementare la videosorveglianza del territorio comunale, per garantire più sicurezza ai cittadini, e un modo per aumentare la sicurezza è anche quello di controllare i veicoli in entrata e in uscita dal nostro Comune”.

La videosorveglianza in remoto sarà condivisa anche con i comuni limitrofi: Rivoli ha in progetto l’installazione di un impianto lungo via Einaudi, mentre Orbassano, come altri comuni a noi vicini, ha un impianto mobile. Si tratta quindi di un embrione di sistema integrato che si svilupperà nei prossimi anni in modo da poter effettuare, in caso di necessità, controlli incrociati.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un nuovo occhio elettronico al semaforo, presto in funzione la telecamera

TorinoToday è in caricamento