Cronaca

Taxi service fuori dalla stazione Porta Susa, "così battiamo gli abusivi"

Troppi pochi parcheggi riservati ai taxi a Porta Susa. Rolando: "L'Assessorato non ci mette in condizione di poter offrire correttamente il nostro servizio"

Il taxi service sbarca a Porta Susa. Lo avevano annunciato e così è stato. Ed eccoli sparsi lungo corso Bolzano, i tassisti, muniti di pettorina fluorescente per indirizzare i pendolari della stazione ferroviaria verso le auto bianche, per la maggior parte parcheggiate in prossimità di piazza XVIII dicembre dove vi è il parcheggio per la sosta dei taxi.

Un'iniziativa, quella del taxi service, atta a comunicare agli utenti i relativi prezzi e tariffe agevolate in merito al servizio di trasporto offerto dalle auto bianche, a tratti "penalizzato", negli ultimi tempi da parte del servizio dell'app californiana Uber Pop che ha portato - specie a Torino - al verificarsi di numerosi fatti di cronaca, come rappresaglie, denunce e manifestazioni.

Ora, dopo la sperimentazione effettuata durante le scorse settimane fuori dai locali notturni, il taxi service è stato attivato anche nella fascia diurna, in particolare davanti alla stazione ferroviaria di Porta Susa, dove - a detta dei tassisti - esistono molteplici problemi relativamente al posteggio autorizzato per le auto bianche. Lungo corso Bolzano, infatti, la maggior parte dei parcheggi che fiancheggia la stazione ferroviaria è a striscia blu, un "humus fertile" per i tassisti "abusivi" che possono così sostare di fronte alle principali uscite da cui arrivano i pendolari e "battere", in questo modo, le auto bianche. Paradossalmente, lungo via Bolzano all'intersecazione con corso Matteotti, non vi è alcuna palina che segnala - a distanza di pochi metri - il parcheggio dei taxi.

"I nostri spazi servono una su otto uscite della Stazione di Porta Susa, peraltro la meno frequentata - asserisce Federico Rolando, portavoce della categoria tassisti .- L'utente pensa che sia colpa nostra. Invece è l'Assessorato comunale ai Trasporti che non ci ha messo nelle condizioni di offrire il servizio". Il taxi service, in questo, senso, è un modo per aiutare i pendolari all'uscita della stazione a dirigersi verso il posteggio dei taxi, a smistare il flusso di utenti che, spesso, nelle ore di punta, intasano la centrale di telefonate perchè non sanno dove dirigersi.

"Al momento ci sono due addetti a Porta Susa - precisa Rolando -. Io vorrei che l'assessore ci desse delle risposte. E' impensabile essere segregati, in una zona cruciale come quella di Porta a Susa, a un misero spazio che non ci consente così di effettuare il servizio nel modo giusto".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Taxi service fuori dalla stazione Porta Susa, "così battiamo gli abusivi"

TorinoToday è in caricamento