Tav, continua l’ennesima estate di violenza. siap: vietare tutte le iniziative.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

"Continua nella violenza, come dimostrato durante l'assalto di questa notte, l'ennesima "Campagna d'Estate" dei professionisti del disordine- commenta Pietro DI LORENZO, Segretario Generale Provinciale del SIAP, sindacato maggiormente rappresentativo della Polizia di Stato - " Ci chiediamo quando si avrà il coraggio di intervenire vietando ogni iniziativa nella zona del cantiere di Chiomonte".

"Come avevamo previsto i sedicenti "Campeggi Estivi" non sono altro che un nuovo richiamo alle armi lanciato dai professionisti della violenza" - continua DI LORENZO - " Di volta in volta millantano iniziative a cura di studenti, indignati, disoccupati, esodati e chi più ne ha più ne metta. In verità sono sempre gli stessi violenti, che nulla hanno a che fare con le categorie richiamate, sempre presenti a creare occasioni per sfogare il proprio ceco odio contro le forze di polizia".

"Questa notte non solo è scattato l'assalto con lancio di pietre e bombe carta, ma sono state usate in grande quantità fionde professionali con cui sono state scagliate contro gli uomini in divisa decine e decine di biglie e bulloni. Armi micidiali." - insiste DI LORENZO - "E francamente, dopo quattro anni, siamo stanchi di fare da bersaglio."

"Visti i presupposti e l'ipocrisia di chi convoca iniziative "culturali" con il fine di richiamare truppe antagoniste a Chiomonte, ribadiamo la nostra richiesta: il Prefetto emani ordinanze che vietino ogni altra iniziativa nella zona del cantiere.

"Ai nostri ragazzi vanno i complimenti per la professionalità dimostrata e l'augurio di una pronta guarigione ai feriti" - conclude DI LORENZO - " In un Paese che tollera l'abominio di un cantiere che, per svolgere la propria attività, deve essere presidiato dalle Forze di Polizia noi non staremo mai in silenzio"

Torna su
TorinoToday è in caricamento