rotate-mobile
Cronaca Chiomonte

Tav, "Sì a tavolo con la Comunità Montana a patto che…"

E' Stefano Esposito, deputato del Pd in prima linea per il proseguimento dei lavori per la Torino-Lione, a dirlo. L'importante è che si rispettino quattro condizioni fondamentali

Secondo il parlamentare del Pd, Stefano Esposito, si potrebbe anche aprire un tavolo di sviluppo per la Valle di Susa, che coinvolga anche la Comunità Montana delle Valli di Susa e Sangone. L'importante è che si rispettino quattro condizioni: "La prima - spiega - è che a convocarlo sia il presidente della Provincia di Torino; altre condizioni sono "che non sia messa in discussione la titolarità dell'Osservatorio, che vi sia coinvolto anche il governo e che chi vi siederà accetti la legittimità dei cantieri". Per Esposito "il tavolo può essere l'occasione per verificare se la disponibilità di Plano (presidente della Comunità Montana, ndr) a discutere di compensazioni e di sviluppo della Valle appartiene alle parole di circostanza o corrisponda alla volontà della Comunità montana di riappropriarsi del ruolo istituzionale che le compete e di non prestarsi più ad essere la cassa di risonanza e il braccio amministrativo del movimento No Tav".

(ANSA)





 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tav, "Sì a tavolo con la Comunità Montana a patto che…"

TorinoToday è in caricamento