Giovedì, 16 Settembre 2021
Cronaca Susa

Tav, presentato a Roma il progetto definitivo della Torino-Lione

Oggi viene anche presentato il progetto che l'archistar giapponese Kengo Kuma ha realizzato per la stazione internazionale di Susa. Sarà come una "grande roccia visibile a 360 gradi"

Il progetto della stazione di Susa

Sono giornate importanti per la Tav. Il 7 febbraio la Commissione intergovernativa dovrebbe dare il via libero definitivo al progetto e inviare tutto il materiale al ministero dell’Ambiente per la Valutazione di impatto ambientale.

TUTTO SULLA TAV

"La presentazione del progetto definitivo della nuova linea ferroviaria Torino-Lione a Roma al Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici è stata l’occasione per una riflessione sulla qualità dei progetti infrastrutturali nel nostro Paese con particolare attenzione alla questione della compatibilità delle opere con i territori interessati, tema da cui dipende anche la delicata questione del consenso". Lo ha detto il presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta intervenuto questa mattina a Roma al Ministero delle infrastrutture.

“Il progetto della Torino-Lione al quale l’Osservatorio ha lavorato per anni con impegno - commenta Saitta - si basa sul concetto di territorializzazione: dal 2005 ad oggi il progetto è profondamente cambiato e la Provincia di Torino ha accompagnato e supportato con convinzione tutte le fasi necessarie agli approfondimenti tecnici. Oggi è stato presentato il progetto definitivo di un’opera che tiene conto delle esigenze locali, che non consuma suolo libero e che al termine dei lavori restituirà alla Valle e a tutto il territorio provinciale opere fortemente innovative e di grande sviluppo, a partire dalla stazione internazionale di Susa”.

Oggi viene anche presentato il progetto che Kengo Kuma ha realizzato per la stazione internazionale di Susa; sarà  come una "grande roccia visibile a 360 gradi". L’archistar giapponese, che ha vinto la gara internazionale per la progettazione, ha promesso che non sarà un oggetto "alieno" ma pensato per valorizzare "gli elementi del territorio e farlo diventare un altro elemento simbolo della valle insieme alla Sacra di San Michele e al Rocciamelone".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tav, presentato a Roma il progetto definitivo della Torino-Lione

TorinoToday è in caricamento