Cronaca

"Opera utile e urgente": al via gli espropri in Francia per il Tav

Modificati i piani regolatori dei Comuni d'oltralpe, gli espropri al via in 15 giorni. Esposito (Pd): "Questa decisione pone fine a tutti i dubbi circa la reale volontà del Governo francese rispetto alla realizzazione della Tav"

“Di utilità pubblica e urgenti'': così la Francia definisce i lavori per creare un itinerario d'accesso al cantiere del tunnel della futura linea ad alta velocità Lione-Torino. Gli interventi dovranno essere realizzati in alcuni comuni del dipartimento della Savoia (Montmélian, Francin, Avressieux e Saint-Jean-de-Maurienne), mentre entro quindici giorni partiranno gli espropri dei terreni. Per essere conformi ai lavori, sono stati anche modificati i piani regolatori dei comuni toccati dal cantiere.

Insomma, i lavori della Tav sono in pieno svolgimento, e la dichiarazione apparsa sulla Gazzetta Ufficiale non lascia spazio a dubbi. Plaude alla decisione d’oltralpe il vicepresidente della Commissione Trasporti del Senato, Stefano Esposito (Pd): “Questa decisione – è quanto sostiene il senatore - "pone fine a tutti i dubbi circa la reale volontà del Governo francese rispetto alla realizzazione della Tav" e conferma "la bontà della scelta del Governo italiano di dichiarare l'area del cantiere di Chiomonte 'sito strategico di interesse nazionale'”. Esposito ribatte anche ai No Tav, affermando che la decisione del governo italiano "non ha comportato alcun tipo di militarizzazione del territorio, come continuano invece a ripetere i No Tav. C'è da augurarsi che di fronte ai provvedimenti adottati oltralpe cessino le strumentali disquisizioni sulle reali intenzioni della Francia".

"La Francia – è quanto dichiara ancora Esposito - ha adottato strumenti normativi rapidi ed efficaci, dimostrando che quando si è in presenza di un'infrastruttura di rilevanza europea non si può cedere di fronte a qualche Comune dissenziente".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Opera utile e urgente": al via gli espropri in Francia per il Tav

TorinoToday è in caricamento