menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'assessore occupa il parcheggio per disabili, "Tapiro" a Saitta

Si è dovuta muovere Striscia la Notizia per evitare che l'assessore provinciale all'Ambiente continuasse a parcheggiare in un posto riservato. Il Tapiro d'Oro è andato al Presidente che ha preso provvedimenti

Al Presidente della Provincia di Torino, Antonio Saitta, è stato consegnato il Tapiro d'Oro da Valerio Staffelli per un problema legato all'occupazione senza permesso del posto riservato ai diversamente abili all'interno del piazzale di Palazzo Cisterna. Nel cortile della sede provinciale è stata segnalata la presenza constante di un'auto, rivelatasi di un assessore, parcheggiata quotidianamente nello spazio per disabili. Un fatto increscioso, soprattutto constatato che un'altra vettura, che invece il permesso ce lo avrebbe, è costretta ad essere lasciata in condizione precaria in uno spazietto del piazzale.

L'inviato di Striscia la Notizia ha incontrato Saitta vicino al "cortile incriminato" e prima di spiegare il motivo della sua visita, ha chiesto al numero uno della Provincia se in città i posti per disabili sono occupati abusivamente o se invece regna la correttezza. "Da privato cittadino devo dire che vedo i parcheggi per disabili a Torino sempre liberi - ha risposto Saitta -. C'è una buona attenzione dal punto di vista civile".

Quando però Staffelli ha mostrato al Presidente che il parcheggio riservato interno al piazzale è occupato tutti i giorni da chi non potrebbe, la risposta è stata diretta: "E' una cosa assolutamente disdicevole. Prendo il Tapiro come una sollecitazione ad aumentare i controlli". E così è stato. Poche ore dopo non solo l'autovettura "abusiva" non era più presente nel rettangolo riservato, ma addirittura erano stati installati due grossi cartelli blu che segnalano la presenza di una parcheggio riservato ai diversamente abili.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento