Lunedì, 25 Ottobre 2021
Cronaca Nizza Millefonti / Via Gianfranco Zuretti

Giallo al Cto, si presenta con la giugulare recisa e sviene all'ingresso

Grondava di sangue e si teneva la mano a protezione della gola. Così è entrato al Pronto Soccorso. Potrebbe essere stato aggredito a pochi metri dal Cto

E' entrato all'interno del Pronto Soccorso dell'ospedale Cto grondante di sangue e con la mano che copriva la gola. "Mi sono tagliato con un coccio", ha detto l'uomo prima di cadere a terra. Medici e infermieri si sono precipitati, notando un taglio netto alla giugulare, un caso da intervento immediato.

Entrato in sala operatoria l'uomo è stato operato con successo. La giugulare recisa è stata ricucita e non rischia più la vita. Un'operazione iniziata al limite del possibile: fossero passati ancora un paio di minuti e forse sarebbe stato troppo tardi.

Ma chi è quell'uomo? Se lo sono chiesti i medici e i Carabinieri intervenuti all'ospedale torinese. Senza documenti in tasca, senza la possibilità di sentire da lui stesso di più sulla sua storia (è ancora sotto anestesia), l'unico segno distintivo è un tatuaggio a forma di mano che tiene un pugnale. Dovrebbe essere italiano e avere all'incirca 30-35 anni, ma nulla di più si è riusciti a sapere.

Le poche parole che l'uomo ha pronunciato prima di accasciarsi al suolo non sono sembrate veritiere. Il taglio alla gola è troppo netto per essere stato fatto con un coccio. Quello è opera quasi certamente di un coltello dalla lama affilata.

I Carabinieri hanno già cominciato le indagini per ricostruire gli attimi che hanno preceduto l'arrivo al Cto. Le tracce di sangue iniziano da via Zuretti. Le ipotesi sono due: o l'ipotetica aggressione è avvenuta in quel luogo, oppure l'uomo è stato scaricato in quel punto da una macchina. Il giallo potrebbe avere più certezze a breve, non appena la persona ferità sarà in grado, se non già di parlare, quantomeno di scrivere.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giallo al Cto, si presenta con la giugulare recisa e sviene all'ingresso

TorinoToday è in caricamento