Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Tagli alle cooperative scolastiche: più sporcizia e meno vigilanza

Da febbraio una sola cooperativa si occuperà di pulizia e vigilanza in tutte le scuole del Piemonte. Meno posti di lavoro e meno controlli: il servizio scolastico rischia il collasso

La pulizia e la vigilanza nelle scuole piemontesi sono terribilmente a rischio. A mettere sull'attenti i cittadini l'Asapi, l'Associazione delle scuole autonome in Piemonte, secondo cui la recente decisione approvata dalla legge di stabilità di affidare ad una sola cooperativa la gestione di tutte le strutture scolastiche piemontesi, creerà danni non indifferenti alle stesse.

Le cooperative che attualmente lavorano nelle scuole, occupandosi di servizi di vigilanza, pulizia ed assistenza durante l'ora di mensa, sono tutte di tipo B, ovvero contengono al loro interno anche personale disabile o, comunque le cosiddette categorie svantaggiate, le quali dovranno quindi essere affidate ai servizi socio-assistenziali.

L'affidamento dei servizi di pulizia e vigilanza ad una sola cooperativa attraverso una gara regionale indetta dal CONSIP, comporterà non soltanto una diminuzione dei servizi stessi, ma anche la perdita di un posto di lavoro su cinque, con conseguenti aumenti di turno per il personale ATA. Per gli inizi di marzo, inoltre, sono previsti ulteriori tagli del 20%, i quali metteranno a rischio altri centinaia di posti di lavoro.

A fronte di queste decisioni, la già nota situazione economica dei servizi scolastici, sarà ulteriormente compromessa a detta di Asapi. La paura paventata dall'associazione è quella di finire come il Veneto, dove alcune scuole sono state chiuse perché troppo sporche. E le persone che si troveranno senza lavoro? Il vicedirettore dell'Ufficio scolastico regionale Antonio Catania spiega che le istituzioni faranno tutto ciò che è in loro potere per il ricollocamento delle stesse.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tagli alle cooperative scolastiche: più sporcizia e meno vigilanza

TorinoToday è in caricamento