menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Autocarro fermato per un controllo: gli agenti si accorgono che viaggia con il tachigrafo manomesso

1.736 euro di multa, ritiro e sospensione della patente per 15 giorni

 Nell’ambito di controlli sulla sicurezza stradale, nella giornata di ieri gli agenti del Reparto Radiomobile della Polizia Municipale hanno fermato, all'uscita della tangenziale nord, un autocarro adibito al trasporto di merci. 

Un agente specializzato ha esaminato attentamente il tachigrafo, strumento installato obbligatoriamente su tutti i mezzi pesanti per la verifica dei tempi di guida, di riposo e di velocità dei conducenti professionali. Nello specifico, sono stati controllati sia i sigilli, sia il ‘Kitas’, sensore di movimento posto nella parte sottostante il veicolo che, se manomesso, non rileverebbe più il movimento del veicolo, consentendo al conducente di risultare a riposo durante la guida, con gravi ripercussioni sulla sicurezza stradale.

“Dopo aver riscontrato la presenza di anomalie sui sigilli, gli agenti hanno accompagnato il veicolo in un’officina autorizzata per una ulteriore verifica sul corretto funzionamento del tachigrafo. Il consulente tecnico ha confermato i sospetti della Polizia Municipale, riscontrando che il sigillo posto sul sensore di movimento era stato manomesso. L’officina ha provveduto a eliminare tutti i sigilli non conformi e a ripristinare regolarmente l’impianto” si legge nella nota diramata dalla Polizia Municipale.

Alla fine dell’intervento il conducente è stato contravvenuto con una sanzione di 1.736 euro, 10 punti di decurtazione e ritiro e sospensione della patente per 15 giorni.
cronotachigrafo camion fermato-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento