menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Notte di Capodanno, i carabinieri sventano un rave party nel Torinese

Tre denunciati

Nella notte di Capodanno, a Nichelino, a sud della Città metropolitana, cinque pattuglie dell’Arma dei carabinieri sono dovute intervenire in un’area industrale dismessa, dove alcuni giovani avevano tagliato la rete di recinzione ed erano entrati per allestire un rave party. In tre sono stati denunciati e la presenza delle gazzelle con i lampeggianti accesi ha impedito che gli amici raggiungessero il luogo, già ampiamente pubblicizzato sui social network. 

Bilancio dei controlli

Qualche ora più tardi altri equipaggi hanno raggiunto velocemente l’abitazione di un locale pregiudicato, già sottoposto agli arresti domiciliari che, in stato alterazione dovuta all’assunzione di bevande alcoliche, poneva in essere condotte violente nei confronti della fidanzata convivente, poi medicata dai sanitari per escoriazioni al volto, al collo ed agli arti superiori. L’uomo è stato accompagnato in carcere.

Ma il bilancio dei controlli effettuati dai militari nella notte dell'ultimo dell'anno, non si conclude qui. A Ciriè, nella prima cintura torinese, è finito in manette un italiano di origine ucraina trovato in possesso di un 1 kg di hashish, suddiviso in 12 panetti pronti per lo smercio di capodanno. A Torino sono stati fermati due giovani egiziani, che nel quartiere periferico di Barriera Milano avevano appena rapinato un coetaneo marocchino, asportandogli con violenza una collanina. 

Pochi infine, gli automobilisti per strada e solo in otto sono stati sanzionati per spostamenti non consentiti. Anche oggi e nei prossimi giorni i controlli dei carabinieri proseguiranno in tutta la provincia, con particolare attenzione anche alle località montane.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento