Dentro al contestato suk, tante polemiche e poche risposte

Continuano le polemiche: da una parte ci sono gli ambulanti che sono i primi a chiedere i controlli, dall’altra cittadini e consiglieri di vario grado che propongono varie soluzioni arrivando anche a urlarsi contro

Il suk ieri mattina in via Monteverdi

Non cessa la polemica nata da diverso tempo attorno al suk domenicale. La protesta da parte di alcuni cittadini e consiglieri continua anche dopo il trasferimento del suk da corso Novara a via Monteverdi in un’area lontana dalle abitazioni e in cui ci sono più stalli per gli ambulanti.

La maggiore contestazione mossa è quella che definisce il suk come “mercato della ricettazione” fatto da “abusivi”. Facendo un giro tra la merce venduta si nota che molta di questa è roba vecchia, senza apparente valore e venduta per pochi euro. Non c’è quasi nulla che costi caro al suk e gli ambulanti su questo rispondono senza vergogna: “Sono cose che prendiamo nella spazzatura. Per chi le butta non valgono nulla, ma per noi possono valere qualche soldo. Altre cose arrivano da cantine o soffitte che andiamo a svuotare”. Tutto qui? “No - ci sentiamo dire da più venditori - alcune cose le compriamo e le rivendiamo come in qualsiasi mercato”. E facendo un giro ci viene chiesto da un ambulante se avevamo qualche vecchio cellulare da vendergli.

Al suk si trova di tutto: scarpe, vestiti, vecchi elettrodomestici, giocattoli, riviste e fumetti, ma anche computer, televisori, biciclette, ruote intere delle auto e specchietti. Proprio queste ultime cose sono quelle che segnalano come di dubbia provenienza coloro che contestano il mercato. Una bicicletta mountain bike, per capirci, si può acquistare con massimo 20-25 euro.

Seconda questione: coloro che vendono sono ambulanti o abusivi? “Noi siamo ambulanti - ci risponde un ragazzo tunisino -. Per stare qui tutto il giorno pago 10 euro, ho il mio spazio e il cartellino identificativo”. E quanto guadagni in una giornata? “Dipende - ci dice -, posso guadagnare 10 euro come 30. Ma a volte non si vende nemmeno un oggetto da 50 centesimi”.

Si parla di illegalità per il suk domenicale. Nella mattinata di ieri si sono presentati due assessori, Ila Curti e Giuliana Tedesco, più il comandante della polizia municipale Alberto Gregnanini. Quando sono andati via loro la situazione è rimasta tranquilla anche perché a sorvegliare ci hanno pensato decine di vigili e poliziotti. “Crea degrado, il suk deve essere spostato da qui - dicono protestando alcuni residenti scesi in strada di prima mattina -, se il Comune lo vuole tenere se lo facessero davanti al Municipio stesso”. Oppure si sente ancora: “Averlo spostato da una parte all’altra sempre a Barriera di Milano conta poco. Deve tornare a Porta Palazzo oppure ai Giardini Reali”. Parole e proposte che si mischiano tra loro con toni presto diventati accesi. “Discuteremo in Commissione, vogliamo delle risposte e concretezza”, dicono in coro il firmatario di una petizione che ha a oggetto il suk Raffaele Petrarulo e il consigliere di Circoscrizione Fabrizio Genco”.

Intanto la mattinata passa e tra i clienti non ci sono solo stranieri, ma molti italiani: “Tutti hanno bisogno di comprare a poco prezzo - ci dicono gli ambulanti -, qui non vengono solo stranieri, ma tanti italiani. La crisi c’è per tutti”. Sulla questione location non hanno dubbi: “Qui in via Monteverdi ci troviamo bene. C’è tanto spazio e tanti stalli in cui possiamo metterci, non ci sono case intorno e quindi non diamo fastidio. Se potessimo scegliere, sceglieremmo di rimanere qui”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: in Piemonte centri commerciali chiusi il sabato e la domenica (tranne gli alimentari)

  • Torna l'ora solare, lancette indietro di 60 minuti: quando e perché si dormirà di più

  • Coronavirus: ordinanza Piemonte, stop agli alcolici dopo le 21 e attività chiuse a mezzanotte

  • Torino: positiva al coronavirus esce e va in giro, denunciata per epidemia colposa

  • Lavazza, offerte di lavoro a Torino e in provincia: le posizioni aperte

  • Incidente a Torino, auto finisce contro un palo: morta donna dopo l'urto violento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento