Cronaca Aurora / Lungo Dora Firenze

La rabbia del quartiere contro il suk, consegnate 1.885 firme al Comune

I primi tre firmatari della petizione sono la consigliera di Fdi della circoscrizione Sette Patrizia Alessi e i rappresentanti del comitato “Quadrilatero Aurora”, Rolando Trevisan e Pietro Oggiano

Il suk traslocherà nell'area Ponte Mosca

Sono 1.885 le adesioni consegnate al Comune di Torino per chiedere di non collocare il mercatino del libero scambio nell’area Ponte Mosca di lungo Dora Firenze, via Aosta e corso Giulio Cesare.

I primi tre firmatari della petizione sono la consigliera di Fdi della circoscrizione Sette Patrizia Alessi e i rappresentanti del comitato “Quadrilatero Aurora”, Rolando Trevisan e Pietro Oggiano.

Il suk, ricordiamolo, si trova oggi in via Monteverdi ma la sua collocazione cambierà a partire dal 2017. Si comincerà dall’area Ponte Mosca ma poi la patata bollente del libero scambio diventerà itinerante, trovando collocazione in tutte le otto Circoscrizioni di Torino. A rotazione.

Il suk si sposterà su un terreno che la precedente giunta aveva bocciato, ritenendolo non idoneo. A causa della vicinanza con le palazzine di via Aosta, via Parma e appunto lungo Dora Firenze. Il cambio di amministrazione, però, ha rovesciato tutto.

Ma noi non ci stiamo – sbotta Alessi -. Non è possibile che si guardi sempre ad Aurora come discarica dei problemi della città”.

I firmatari chiedono anche una commissione ad hoc con il comitato cittadini “Quadrilatero Aurora” per affrontare seriamente le problematiche della zona. Ricordando che un “no” al mercatino al Ponte Mosca era arrivato anche dal presidente della Sette, Luca Deri.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La rabbia del quartiere contro il suk, consegnate 1.885 firme al Comune

TorinoToday è in caricamento