Difficoltà economiche e debiti: muratore di 51 anni si toglie la vita

Non riusciva più ad andare avanti e si è tolto la vita a Villar Pellice. I Carabinieri lo hanno trovato impiccato ad una trave nel casolare di un amico. Vicino a lui un biglietto in cui spiegava i motivi del gesto estremo

Foto di archivio

Non riusciva più a far fronte alla crisi economica e così ha deciso di farla finita. Nel pomeriggio di ieri, martedì 13 agosto, un muratore di 51 anni si è tolto la vita a Villar Pellice, impiccandosi nel casolare di un amico in località Bosc Baud.

In un biglietto, lasciato vicino al luogo in cui ha compiuto l'estremo gesto, ha spiegato il motivo che lo ha spinto a compiere quel gesto. Difficoltà economiche aggravate dai troppi debiti: un tunnel che sembrava non finire più. Il suo corpo ormai privo di vita è stato trovato intorno alle 17.45.

Nella proprietà dell'amico il cinquantunenne in passato aveva svolto alcuni lavori, conosceva bene quel casolare. I Carabinieri e i soccorsi del 118 quando sono arrivati lo hanno trovato con una corda attorno al collo legata ad una trave. Inutile la corso verso l'ospedale più vicino, per T.O. non c'era più nulla da fare.

Il muratore era separato e aveva due figli.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mini in corsia d'emergenza esplode dopo essere urtata da un'altra auto: morti padre e figlia

  • Frontale fra due automobili: un uomo è morto, cinque persone ferite

  • Terribile schianto nel sottopasso, ma è la scena della fiction con Raoul Bova

  • Scontro auto-ambulanza: una persona è morta

  • Maxi-tamponamento in tangenziale: coinvolti cinque veicoli, traffico paralizzato

  • Scontro tra camion e moto, morto il centauro

Torna su
TorinoToday è in caricamento