"Il mio lavoro mi ha tradito": scrive una lettera ai familiari e si spara un colpo in testa

Imprenditore edile era rimasto senza commesse

La casa dove è avvenuto il tragico gesto

Ha scritto una lettera indirizzata alla moglie di 32 anni e alle sue bambine di 11 e cinque anni e poi si è sparato un colpo di pistola in testa nel tardo pomeriggio di sabato 19 agosto 2018.

Un piccolo imprenditore edile, italiano di 40 anni, residente a Campiglione Fenile, ha deciso di farla finita nell'appartamento di via Daniela 3 dove abitava con la famiglia. 

"Così non posso più andare avanti. Ho troppi debiti, il mio lavoro mi ha tradito", ha scritto. Era rimasto senza commesse e non sapeva come tirare avanti. Eppure ai familiari non aveva detto nulla, raccondando sempre di avere "tanto lavoro". Ha lasciato tutto in quella lettera.

Sull'accaduto indagano i carabinieri. L'arma era regolarmente registrata e detenuta.

suicidio-imprenditore-edile-strada-daniela-campiglione-fenile-camioncino-180819-2

Potrebbe interessarti

  • Medusa, rimedi anti puntura: gli errori da non commettere mai

  • Bevute eccessive: gli effetti immediati, il post-sbornia, i rimedi

  • Spioncino digitale, la tecnologia al servizio della sicurezza

  • I pericoli in mare e in piscina: l’acqua alta e la congestione

I più letti della settimana

  • Ragazza arriva in ospedale per un trapianto di cuore, ma i medici salvano il suo

  • Tragedia nel condominio: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Muore otto giorni dopo l'incidente: era troppo debole, non ce l'ha fatta

  • Scontro frontale tra moto e auto: due centauri sbalzati via per diversi metri, sono gravi

  • Marito uccide la moglie con una lima da modellismo, dopo qualche ora si costituisce

  • Viene travolta da un'auto mentre attraversa la strada: è grave in ospedale

Torna su
TorinoToday è in caricamento