Tragedia nell'ospedale: un paziente si uccide gettandosi dal terzo piano

Nel corso della notte

L'ospedale di Cirié (immagine di repertorio)

Un 64enne italiano residente a San Maurizio Canavese si è suicidato, nella notte di oggi, lunedì 20 agosto 2018, gettandosi da una finestra al terzo piano dell'ospedale di Cirié.

Era ricoverato nel reparto di cardiologia e, secondo i primi riscontri, era in un periodo di depressione.

Sono stati i sanitari dello stesso presidio a trovare il corpo nel prato interno alle 8, chiamando subito i carabinieri a cui competono le indagini del caso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La procura di Ivrea ha disposto l'autopsia soltanto per stabilire quale sia stato l'orario del decesso, in quanto la dinamica è evidente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il film porno è girato nel parco cittadino: nuova performance del noto avvocato e di due pornostar torinesi

  • Maxi-incidente in tangenziale: quattro veicoli coinvolti, uno ribaltato e due in fiamme

  • Compleanno torinese per i 18 anni del figlio di Fabrizio Corona e Nina Moric: pronta una grande festa

  • Super-vincita al concorso a premi in tabaccheria: un fortunato si porta a casa 53mila euro

  • Viviana e il piccolo Gioele sono ancora scomparsi, ma oggi fatti avvistamenti 'importanti'

  • Scossa di terremoto in serata: sentita chiaramente dai residenti nelle valli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento