Il chitarrista gettatosi dal ponte non ce l'ha fatta: è morto in ospedale

Agonia durata poche ore

Gli inutili soccorsi per salvare il chitarrista, morto poi in ospedale

È durata poche ore l'agonia del chitarrista italiano di 56 anni residente a Viù che nel pomeriggio di ieri, lunedì 4 marzo 2019, si è gettato dal ponte di via Roma a Lanzo Torinese, piombando sulle pietre sulla riva del fiume Tesso.

I medici dell'ospedale Cto, dove era stato trasportato in elisoccorso dopo l'accaduto, sono riusciti a tenerlo in vita soltanto per poche ore: il decesso è avvenuto intorno alle 20,30. Inizialmente sembrava non essere in pericolo di vita, ma poi le sue condizioni sono precipitate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'uomo era conosciuto da diverse persone nella zona e non e aveva anche diverse collaborazioni nell'ambiente musicale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Rapina in farmacia, poi arrivano i parenti del malvivente: 12 volanti per fermarli

  • Cirio firma l'ordinanza: "Da lunedì i supermercati potranno vendere cancelleria"

  • Stanotte torna l'ora legale, lancette in avanti: "Un mix critico col Coronavirus"

  • Coronavirus Piemonte, Icardi: "Test sierologico per dipendenti e ospiti delle case di riposo"

  • Coronavirus, Piemonte ai vertici per incremento di posti in terapia intensiva

Torna su
TorinoToday è in caricamento