Incidente in mare, sub torinese muore durante una battuta di pesca

La moglie ha lanciato l’allarme

Immagine di repertorio

Un torinese di 63 anni, Piero Giargia, è morto questa mattina durante una battuta di pesca subacquea mentre era in vacanza in Gallura.

E' accaduto nelle acque fra Cala Moresca e il porto di Golfo Aranci. A lanciare l’allarme verso le 10.30 è stata la moglie dell’uomo, un bancario in pensione, che dalla riva si è accorta che il palloncino di segnalazione rimaneva sempre nello stesso punto.

L'uomo si era tuffato in mare intorno alle 10 equipaggiato di maschera, boccaglio, pinne, palloncino di segnalamento ed era privo di bombole d'ossigeno.

La donna, spaventatissima, ha chiesto aiuto ad alcuni pescatori poi è intervenuta la capitaneria di porto di Golfo Aranci.

L'uomo è stato portato a riva dove vi era un'ambulanza del 118, ma dopo alcuni tentativi di rianimazione gli operatori non hanno potuto che constatare il decesso del sub.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sarà l’eventuale autopsia a fare chiarezza sulle cause del decesso che probabilmene è avvenuto per annegamento provocato da una sincope.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Ambulante positivo al coronavirus va al mercato a vendere frutta e verdura: denunciato

  • Tragedia nel bosco: ragazzina di 16 anni trovata impiccata a un albero

  • "L'abbraccio tricolore" delle Frecce, lo spettacolo nel cielo di Torino: foto e video

  • Uccide una donna a colpi di pistola nel piazzale del supermercato, poi si costituisce

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

Torna su
TorinoToday è in caricamento