Incidente in mare, sub torinese muore durante una battuta di pesca

La moglie ha lanciato l’allarme

Immagine di repertorio

Un torinese di 63 anni, Piero Giargia, è morto questa mattina durante una battuta di pesca subacquea mentre era in vacanza in Gallura.

E' accaduto nelle acque fra Cala Moresca e il porto di Golfo Aranci. A lanciare l’allarme verso le 10.30 è stata la moglie dell’uomo, un bancario in pensione, che dalla riva si è accorta che il palloncino di segnalazione rimaneva sempre nello stesso punto.

L'uomo si era tuffato in mare intorno alle 10 equipaggiato di maschera, boccaglio, pinne, palloncino di segnalamento ed era privo di bombole d'ossigeno.

La donna, spaventatissima, ha chiesto aiuto ad alcuni pescatori poi è intervenuta la capitaneria di porto di Golfo Aranci.

L'uomo è stato portato a riva dove vi era un'ambulanza del 118, ma dopo alcuni tentativi di rianimazione gli operatori non hanno potuto che constatare il decesso del sub.

Sarà l’eventuale autopsia a fare chiarezza sulle cause del decesso che probabilmene è avvenuto per annegamento provocato da una sincope.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Shopping, 3 tonnellate di vestiti in vendita "al chilo": l'evento per due giorni a Torino

  • Paura al campo di calcio: bambino di 8 anni si accascia al suolo mentre gioca la partita

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Marito e moglie investiti da un'auto mentre attraversano la strada

Torna su
TorinoToday è in caricamento