La festa notturna finisce a botte, cinque persone arrestate 

I fatti a Strambino, piccolo comune nel Canavese. Gli arrestati sono tutti di nazionalità rumena e due di loro erano anche armati

Una festa finita a botte, quella avvenuta in un piccolo comune del Canavese e per la quale sono state arrestate cinque persone. I fatti sono successi a Strambino, 6mila abitanti in provincia di Torino, protagonisti alcuni cittadini rumeni. 

I carabinieri sono intervenuti al termine di una segnalazione, nella quale si denunciava musica ad alto volume nei pressi della stazione ferroviaria. Giunti sul posto, i militari hanno tuttavia avuto a che fare con ben altra melodia: in loco stava infatti avvenendo una maxi-rissa con ben dieci persone coinvolte. E se cinque di loro sono fuggite a gambe levate al momento dell’arrivo delle forze dell’ordine, i rimanenti hanno continuato a darsele di santa ragione come se nulla fosse. Non solo. Due di loro erano anche armate di una spranga di ferro e di un paletto con base in cemento, di quelli usati per delimitare i parcheggi.

Sul posto sono intervenuti anche i sanitari, che hanno prestato le prime cure alle persone ferite. Nel frattempo, dopo essere stati condotti in caserma, i cinque fermati - tutti in evidente stato di alterazione alcolica - sono stati tratti in arresto per rissa aggravata e due di loro denunciati alla Procura di Ivrea anche per porto ingiustificato di strumenti atti ad offendere. Tutti sono stati in seguito sottoposti ai domiciliari. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Torino, abbraccia e bacia una bambina di sette anni al parco: arrestato

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Come cambia il mercato immobiliare di Torino dopo il lockdown: l'analisi quartiere per quartiere

  • Inizia la Lotteria degli scontrini: cosa bisogna fare per avere i codici e vincere fino a 5 milioni

  • Zona Arancione: estesa apertura negozi, maggiori controlli, dentro e fuori, nei centri commerciali

Torna su
TorinoToday è in caricamento