Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca Corso Italia, 46

Strage di Rivarolo Canavese, le parole dell'assassino: "Mi avevano lasciato solo, con una moglie malata e un figlio disabile"

Interrogato in ospedale

Il momento della scoperta della strage di Rivarolo Canavese

"Ero solo, abbandonato, con una moglie malata e un figlio disabile da accudire. Ho ucciso perché ero rimasto senza nessuno": sono le parole di Renzo Tarabella, il pensionato di 83 anni autore della strage di corso Italia a Rivarolo Canavese del 10 aprile 2021 (ma scoperta la notte successiva), in cui ha ucciso il figlio Wilson, la moglie Maria Grazia Valovatto e i suoi padroni di casa, Osvaldo Dighera e Liliana Heidempergher. Per quanto riguarda questi ultimi sarebbero stati ritenuti colpevoli di averlo abbandonato dopo la nascita della loro nipotina. L'interrogatorio, avvenuto all'ospedale Molinette dove l'uomo è ricoverato dopo essersi sparato un colpo di pistola in faccia (ha riportato una lesione all'occhio sinistro) è durato due ore. Erano presenti l'avvocato di Tarabella, Flavia Pivano, il pm Lea Lamonaca, che coordina le indagini dei carabinieri, e il giudice Ombretta Vanini.

"Questa strage poteva essere evitata?": è la domanda che si fanno gli avvocati Sergio Bersano e Antonella D'Amato, rappresentanti di Francesca Dighera, figlia di Osvaldo e Liliana, che si chiedono come mai a Tarabella fosse sempre stato rinnovato il permesso di tenere una pistola a uso sportivo. "Riponiamo totale fiducia negli inquirenti e siamo certi che le indagini chiariranno i motivi dell'assassinio dei coniugi Dighera". L'avvocato Pivano, invece, ha già annunciato che chiederà una perizia psichiatrica per Tarabella.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strage di Rivarolo Canavese, le parole dell'assassino: "Mi avevano lasciato solo, con una moglie malata e un figlio disabile"

TorinoToday è in caricamento