Strage Nizza, Gaetano Moscato di Chiaverano perde una gamba

E' rimasto ferito per salvare i due nipoti di 18 e 13 anni

Gaetano Moscato di 71 anni, residente a Chiaverano, è rimasto gravemente ferito nella strage di Nizza.

Ha subito l'amputazione di una gamba rimasta gravemente ferita, al di sotto del ginocchio.

L'uomo ha salvato i due nipoti, una ragazza di 18 anni e un ragazzino di 13 anni che stavano passeggiando con lui sulla Proménade des Anglais, dalla furia del tir seminatore di morte.

Maurizio Fiorentini, sindaco del paese canavesano, è stato il primo a diffondere la notizia. "Nell'attentato è stato coinvolto anche un nostro concittadino - conferma il primo cittadino del paese - e riteniamo che il suo dramma deve avere il massimo rispetto da parte di tutti. Spero, a nome di tutto il paese, che possa rimettersi presto. Non ci sono parole che possono esprimere lo sdegno più profondo per chi pensa,organizza ed esegue queste folli azioni. La battaglia contro il terrorismo, la terza guerra mondiale a capitoli come ha detto qualcuno, sarà lunga e sanguinosa ma è necessario che da parte di tutti ci sia il massimo impegno per isolare e contrastare qualsiasi forma di violenza e di integralismo".

Potrebbe interessarti

  • Pesche alla piemontese: un dolce estivo, leggero, veloce e facile da preparare

  • Il Farò di San Giovanni, speriamo che la pira caschi dalla parte giusta!

  • Il gelato secondo i torinesi: dibattito aperto alla ricerca della gelateria preferita

  • Le migliori vinerie: dove comprare il vino sfuso a Torino

I più letti della settimana

  • Il destino è stato più veloce di Luigi, che era appena diventato papà di una bambina

  • Morto in casa da giorni, i suoi cani sbranano il corpo

  • Tragedia nel cortile: bimba piccola investita dall'auto della mamma, morta

  • Alimenti putrefatti, blatte, scarafaggi ed escrementi: chiuso il panificio-pasticceria

  • Meteo: addio ai temporali, arriva il super caldo

  • Pesche alla piemontese: un dolce estivo, leggero, veloce e facile da preparare

Torna su
TorinoToday è in caricamento