Strage Nizza, ci sono anche due piemontesi tra i dispersi

Marinella Ravotti è nata a Torino e abita a San Michele Mondovì col marito Andrea Avagnina

Ci sono anche due piemontesi, Andrea Avagnina e Marinella Ravotti, tra i dispersi nella strage di Nizza.

La donna, 55 anni, infermiera all'Asl di Cuneo, è nata a Torino e abita col marito, 53 anni, gestore di un bar tabaccheria e consigliere comunale a San Michele Mondovì.

I parenti non hanno più notizie di loro da ieri. “Siamo in constante contatto con la Farnesina e con la prefettura. Speriamo che tutto si risolva per il meglio”, dice Domenico Michelotti, sindaco del paese.

La coppia era partita domenica per le vacanze a Nizza dove ha una casa proprio sulla Proménade des Anglais, dove è avvenuto l'attentato. “Nessuno sa se fossero ieri sera in strada per i fuochi ma il timore è tanto”, prosegue il sindaco che questa mattina ha ricevuto in municipio i parenti.

"Abbiamo rintracciato il numero di telefono del bar sotto la loro abitazione - dice ancora Michelotti - sono andati a suonare il campanello, a bussare alla porta, ma nulla. Ora la figlia sta rientrando da Las Palmas dove stava lavorando e poi il fidanzato l'accompagnerà a Nizza. Io spero che arrivi una telefonata che ci dica che è tutto a posto".

Potrebbe interessarti

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

  • Bidoni della spazzatura, puliti ed igienizzati: addio cattivi odori

  • La mentuccia, l'erba aromatica buona e salutare

  • Il Barbecue perfetto:  6 regole fondamentali

I più letti della settimana

  • Autocisterna travolge bici, ragazza resta schiacciata sotto le ruote: morta

  • Scendono a cambiare la gomma a terra, passa un'auto e li travolge: due morti e un ferito

  • Addio a Sabino, una roccia sul ring e un papà dolcissimo

  • Tragedia nella notte: ucciso un uomo dopo un violento litigio

  • Caos in coda al concerto di Eros: 700 fan costretti a rimanere fuori

  • Accende il gas per preparare il caffé e la cucina esplode: ustionata una torinese

Torna su
TorinoToday è in caricamento