“Ho occupato in via Bardonecchia, sono senza casa e con moglie malata”

La storia di Salvatore è una delle tante di coloro che hanno occupato l'ex Csea via Bardonecchia una paio di settimane fa. Ha perso il lavoro e poco dopo la moglie si è ammalata. Le cure non gli hanno permesso di pagare l'affitto

Tra le persone che questa mattina hanno dovuto lasciare la struttura di via Bardonecchia, occupata un paio di settimane fa da un trentina di famiglie senza un tetto sopra la testa, c’è anche Salvatore Marletta, 59 anni, residente a Druento fino a un annetto fa, fino a quando la sua vita è entrata in un vortice di quelli che fanno rabbia, ma che non si possono fermare. 

Salvatore aveva un lavoro, faceva l’operaio, ma a causa della crisi economica è stato lasciato a casa dall’oggi al domani e le conseguenze si sono fatte subito sentire. Arrivare a fine mese non era facilissimo visto l’affitto da pagare, il cibo e le bollette. E poi, come se non bastasse, la moglie si è ammalata gravemente, tanto da avere bisogno di cure costose che lui non le ha mai negato.

Nel giro di poco tempo però i soldi messi da parte per una vita intera sono finiti. E’ arrivato lo sfratto, un duro colpo per la coppia che aveva ben altro a cui pensare: la malattia. La moglie di Salvatore ha quindi accettato di fare la spola tra la Sicilia e Torino pur di farsi curare, grazie anche all’aiuto di qualche amico generoso. Salvatore invece ha iniziato a passare le notti nei dormitori e le giornate alla ricerca di un lavoro che gli permettesse di aiutare in prima persona la moglie malata. Ma nulla, a 59 anni è un’impresa trovare qualcuno che ti assuma.

Oggi Salvatore era tra le persone che hanno dovuto abbandonare gli uffici dell’ex Csea utilizzati nelle due ultime settimane come casa da un centinaio di persone che, come lui, da tempo sono alla ricerca di un posto in cui stare. Tra qualche giorno la moglie tornerà a Torino e forse lui confidava di poterla “ospitare” in via Bardonecchia, ma non sarà così. “Voglio vivere una vita dignitosa - ci dice Salvatore -. Ancora di più vorrei un lavoro per dare una casa a mia moglie e poterla aiutare. Mi mancano ancora troppi anni alla pensione ma non è facile trovare anche solo una piccola mansione”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento