Storia d'amore col detenuto e cellulare in cella: psichiatra denunciata e l'allontanata dal carcere

Scoperta dagli agenti

L'ingresso del carcere delle Vallette

Una psichiatra in servizio nel carcere delle Vallette a Torino è stata denunciata e allontanata dall'incarico dopo il ritrovamento di un microcellulare nella cella di un detenuto la mattina di lunedì 20 luglio 2020. Le indagini svolte dalla polizia penitenziaria, infatti, hanno fatto emergere che, anche se non ci sono prove che sia stata lei a consegnarglielo, sicuramente lo utilizzava per comunicare perché si era innamorata di lui. Sull'apparecchio sono stati trovati messaggi anche particolari in cui la donna chiamava il detenuto 'camorrista mio'.

Da qualche giorno la psichiatra aveva anche cambiato il suo status su Facebook, passando da libera a impegnata. L'allontanamento dall'incarico è dovuto proprio alla violazione degli obblighi professionali e al non avere utilizzato canali ufficiali consentiti per dialogare con un detenuto (la corrispondenza oppure i telefoni del carcere).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Albero di Natale, 10 idee (super trendy) per ricreare l'atmosfera natalizia

  • Rivoli, il videogioco usato per adescare i bambini e invogliarli a farsi foto e video nudi

  • Dieta, metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunciare ai propri alimenti preferiti

  • Torino, colta da malore, stramazza al suolo: muore in ospedale nonostante i soccorsi dei civich

Torna su
TorinoToday è in caricamento