Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca

Stop allo sgombero del campo nomadi di lungo Stura, interviene la Corte europea

La Corte europea per i diritti dell'uomo ha accettato il ricorso presentato da cinque famiglie. Ora toccherà al governo fornire informazioni sulla sistemazione degli occupanti

Stop allo sgombero del campo nomadi di lungo Stura Lazio a Torino. Lo ha deciso la Corte europea per i diritti dell'uomo che, accogliendo il ricorso presentato da cinque famiglie, ha bloccato le procedure di bonifica dell'area - abitata da rom di origine romena - fino al 26 marzo prossimo. La Corte europea ha, inoltre, ordinato al governo italiano di fornire informazioni sulla sistemazione degli occupanti.

Lo sgombero dell'insediamento - ubicato su terreni di privati cittadini - era stato ordinato dal tribunale di Torino nel 2013 ed eseguito in parte nel luglio dell'anno successivo e in parte lo scorso febbraio. Al momento rimangono 500 le famiglie all'interno del campo, dopo gli sgomberi che avevano - di fatto - allontanato ben 300 famiglie e che avrebbero dovuto ultimarsi in questi giorni.

Il Comune, per il reinserimento dei nomadi di etnia rom e per la ricerca di soluzioni abitative alternative, ha avviato il progetto "La Città possibile": ed è sull'efficacia reale di questo piano che il governo italiano dovrà fornire informazioni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stop allo sgombero del campo nomadi di lungo Stura, interviene la Corte europea

TorinoToday è in caricamento