Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca Centro / Piazza della Repubblica

Suk di Porta Palazzo "Adesso basta con le sperimentazioni"

Il consiglio della circoscrizione Sette ha votato due documenti contro il problema abusivi. Chiesto un intervento deciso della prefettura

Rispetto delle regole, stop alle sperimentazioni e allontanamento degli abusivi. Il consiglio di circoscrizione Sette ha unito le forze contro il degrado che da anni regna incontrastato in piazza della Repubblica e in zona Borgo Dora. I due documenti presentati lunedì sera – uno a firma del capogruppo dei Moderati Gianluca Bosotto e uno a firma del capogruppo del Pdl Franco Poerio – sono stati votati all’unanimità, segno della voglia di cambiare e di uscire da una crisi senza fine. La richiesta è quella di un cambio di marcia da parte delle istituzioni preposte - Comune, Prefettura, Questura – che porti a diktat più severi e controlli che garantiscano la tutela dei diritti dei residenti e degli operatori commerciali.

“Il fenomeno dell'abusivismo ha assunto una dimensione di illegalità tale per cui le istituzioni di vertice non possono più rimanere inerti – spiega Bosotto -. Servono immediatamente controlli mirati da parte delle forze dell'ordine affinché le regole siano rispettate e venga sanzionato chi le viola”. Dello stesso parere il capogruppo del Pd Fabio Cassetta. “Bisogna difendere la storica vocazione commerciale dell'area di Porta Palazzo e Borgo Dora dal fenomeno dell'abusivismo – rincara Cassetta -. E' necessario un cambio di marcia per risolvere un evidente problema che è ormai diventato strutturale. Auspichiamo da subito una costante e sinergica azione fra polizia municipale e forze dell'ordine a tutela dei commercianti”.

Al sindaco Fassino e all’assessorato al Commercio arriverà presto una lettera spedita dalla circoscrizione Stessa. “Il balon non può più aspettare – chiosa Valentina Cremonini, coordinatrice della Terza commissione -. L'abusivismo incontrollato del sabato sta pregiudicando gli interessi di commercianti e residenti”.

Appena fuori dal coro il consigliere del Pd Ernesto Ausilio. “Io e i consiglieri Cammarata e De Maria abbiamo votato l'odg presentato dalla maggioranza solamente per disciplina di partito – commenta Ausilio -. Per queste tematiche, però, servono documenti più incisivi. Occorre dire con chiarezza che in quel l'area non è' più' sopportabile qualsiasi tipo di sperimentazione e che il ripristino della legalità' passa attraverso il ridimensionamento di attività' che con il libero scambio e il sociale non hanno niente a che vedere”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Suk di Porta Palazzo "Adesso basta con le sperimentazioni"

TorinoToday è in caricamento